La Nuova Sardegna

Ruspe in spiaggia: parola al giudice

Ruspe in spiaggia: parola al giudice

Dovrà valutare eventuali danni procurati per il mega-sposalizio a Romazzino

27 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





PORTO CERVO. La relazione della polizia locale sulla spiaggia di Romazzino da ieri è sulla scrivania del magistrato. Toccherà all’autorità giudiziaria valutare se i mezzi meccanici che per alcuni giorni hanno passeggiato sulla sabbia del lido protetto hanno danneggiato i granelli. I muletti supportavano l’impresa che sta montando un palco per la festa-concerto di un matrimonio di lusso. Da domenica ai due mezzi meccani è vietato calpestare la sabbia. Sono parcheggiati lungo il sentiero alle spalle del lido. Le immagini dei solchi lasciati dal loro passaggio sono cristallizzati nelle fotografie dei vigili. Gli scatti sono stati inseriti nel fascicolo inviato a Tempio.

Intanto vanno avanti i preparativi per il matrimonio da 5 milioni di euro di una ricca coppia di libanesi. Nel week-end i due fidanzati si scambieranno gli anelli nella chiesetta di Stella Maris. Quasi completa la tettoia ricamata con fiori e piante sotto la quale passeranno gli sposi. Due invece le feste. Il ricevimento per 500 invitati nella tensostruttura a bordo piscina dell’hotel Cala di Volpe. Il concerto in spiaggia a Romazzino, sul palco-teatro in corso di realizzazione. In allestimento anche una tribuna realizzata con tubi Innocenti.

Chi allieterà la festa latina alle luci del tramonto resta top secret. Ma a Porto Cervo prende sempre più forma l’ipotesi che il regalo di nozze in musica per la coppia libanese possa essere Ricky Martin. Altri invece si orientano su una presenza meno roboante. Stelle della musica mediorientale, non famose in Europa. Qualche indiscrezione in più trapela invece sugli ospiti del ricevimento. 500 in tutto, ospiti nei quattro hotel di Porto Cervo, prenotati tutti in esclusiva, suite comprese. Più alcune centinaia di persone dello staff. Lo sposo è un rappresentante dell’alta finanza libanese. Il suo grandissimo amico Tom Barrack, presidente del Fondo di investimento Colony Capital e per anni proprietario della Costa Smeralda, dovrebbe essere a Porto Cervo con la moglie Laurel. Per il resto è atteso il gotha della finanza mondiale.

Un evento milionario e mediatico. La Starwood, il colosso alberghiero che gestisce gli hotel della Costa Smeralda, ha coinvolto decine di imprese locali nell’organizzazione del super matrimonio. (se.lu.)

In Primo Piano
Scuola

L'assessora Ilaria Portas: «Niente smartphone in classe, ma la decisione va spiegata»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative