La Nuova Sardegna

L’allarme della cisl

«Povertà in aumento nell’isola»

Putzolu: «La giunta regionale intervenga presto con fatti concreti»

29 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. «L’Istat conferma un 2013 di disagio e recessione anche in Sardegna con un aumento della povertà assoluta dell’11%». Il segretario generale della Cisl sarda Oriana Putzolu lancia l’allarme e cita gli esempi delle province di Olbia-Tempio, Medio Campidano e Iglesias-Carbonia dove il tasso di occupazione maschile, tra il 2008 e il 2013, è calato di oltre 10 punti: a fine 2013 si è attestato al 57% mentre l’occupazione femminile si è fermata al 39,7%. La Cisl chiede al presidente della Regione e la giunta di intervenire «con fatti concreti» a cominciare dalla convocazione dei sindacati «dimenticati» dalla Regione, con i quali discutere e decidere sulle politiche sociali. L’indagine dell’Istituto centrale di Statistica ribadisce ancora una volta - si legge in una nota firmata dalla leader della Cisl - quello che il sindacato ha costantemente ripetuto negli ultimi anni: le difficoltà economiche e il disagio generalizzato aumentano soprattutto a causa della mancanza di lavoro. In Sardegna, a fine 2013, le persone in cerca di occupazione erano complessivamente 117 mila, cui vanno ad aggiungersi gli oltre 147 mila compresi in tutte le forme di ammortizzatori sociali, mentre le persone inattive tra 15-64 anni sono state calcolate in oltre 460 mila, con la percentuale più alta (62,2%) nella provincia di Carbonia-Iglesias. Questi preoccupanti numeri spiegano il fenomeno povertà che colloca la Sardegna tra le regioni dove è più alto, in rapporto agli abitanti, il numero delle persone in povertà relativa e assoluta: circa 340 mila. Facile ricercarle tra gli oltre 300 mila pensionati con pensione media mensile intorno a 770 euro, con molti di costoro scivolati nella categoria della povertà assoluta (593 euro per una famiglia con 1 componente) salita nell’ultimo anno - nel Mezzogiorno, e quindi anche in Sardegna - di quasi tre punti percentuali (dall’8,8% all’11%).

La crisi

Agriturismi, il lento declino: ogni anno sempre meno mentre in Italia crescono

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative