La Nuova Sardegna

Giornalisti solidali Speranza dal fango

Giornalisti solidali Speranza dal fango

Stasera la presentazione del progetto #18undici Un dvd con i servizi e le immagini della grande alluvione

31 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





PORTO CERVO. Anche la Costa Smeralda in prima linea nella solidarietà, ovviamente al fianco di #18undici. La presentazione del progetto e della prima opera del comitato dei giornalisti si svolgerà stasera alle ore 20, nel cuore di Porto Cervo. Grazie alla disponibilità del Consorzio Costa Smeralda e di Sardegna Resort, l'iniziativa benefica dedicata alle popolazioni alluvionate sarà ospitata all'ora del tramonto in Piazzetta Degli Archi. Il programma sarà simile a quello delle precedenti tappe del tour di #18undici, che dal 23 luglio sta facendo il giro della Sardegna: da Arzachena a Cabras, da Villanova Monteleone a Olbia. L'ultimo appuntamento, venerdì sera, si è svolto a Uras, la cittadina dell'Oristanese che il 18 novembre 2013 era stata colpita per prima dal ciclone Cleopatra.

La presentazione di Porto Cervo sarà moderata dal giornalista Augusto Ditel, inviato del quotidiano L'Unione Sarda, che sarà affianco da alcuni dei cronisti che hanno dato il loro sostegno al progetto e contributo alla realizzazione del dvd che ricostruisce i drammatici fatti del novembre scorso, quando l'isola ha pianto 18 morti e si è trovata a fronteggiare incalcolabili danni.

Tra le finalità del progetto #18undici c'è quella di mantenere viva la memoria e ricostruire nel dettaglio ciò che è avvenuto in quei giorni in tutte le province della Sardegna, ma ce n'è anche una di natura benefica. Attraverso la diffusione del dvd, infatti, sarà avviata una raccolta fondi e il ricavato verrà interamente devoluto a Caritas Sardegna che realizzerà un'opera di ricostruzione in uno dei centri maggiormente colpiti dal ciclone. Le donazioni saranno raccolte nel corso delle presentazioni ma anche attraverso il sito www.18undici.it

Il progetto nasce dalla collaborazione e apporto di venticinque giornalisti di diverse testate: La Stampa, Tg1, Tg3, TgR Sardegna, SkyTg24 e Videolina. Gran parte del materiale utilizzato per creare i filmati e le fotogallery è stato messo a disposizione direttamente dai video operatori e dai fotografi che nei giorni dell'alluvione hanno lavorato nelle diverse zone della Sardegna. Anche i grafici, i montatori e alcuni musicisti hanno offerto gratuitamente il loro lavoro, realizzando nuovi servizi e scrivendo appositamente le colonne sonore. Progetto nato non solo per tenere vivo il ricordo, ma anche una documentazione per ricostruire, ora per ora, cosa è successo in quei terribili giorni di novembre. A Porto Cervo, domani sera, l'appuntamento è fissato per le ore 20.

Turismo

L'assessore Franco Cuccureddu: la Sardegna vendiamola cara e diciamo grazie a chi spende 100 euro per una pizza

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative