La Nuova Sardegna

deidda (fdi)

«Penalizzati da interessi estranei all’isola e all’Italia»

«Penalizzati da interessi estranei all’isola e all’Italia»

CAGLIARI. L'appello dei produttori di formaggio e pecorino per risolvere il blocco del mercato deciso dal governo russo «è un allarme più che giustificato e siamo stati purtroppo buoni profeti quando...

31 agosto 2014
1 MINUTI DI LETTURA





CAGLIARI. L'appello dei produttori di formaggio e pecorino per risolvere il blocco del mercato deciso dal governo russo «è un allarme più che giustificato e siamo stati purtroppo buoni profeti quando abbiamo avvertito, un mese fa circa, che questo blocco avrebbe danneggiato i produttori sardi». Lo afferma Salvatore Deidda, portavoce regionale di Fratelli d'Italia-Alleanza nazionale, che sottolinea che recenti studi della Regione «hanno evidenziato che di questa situazione si stanno avvantaggiando gli svizzeri con importazioni in aumento del loro formaggio». La preoccupazione deriva «dalla paura di veder svanire, per interessi estranei all'Italia e la Sardegna, milioni di euro e le sopracitate opportunità di crescita per le nostre imprese. Per una volta le istituzioni e chi ricopre incarichi di governo, sia localmente sia a livello nazionale, dovrebbero fare gli interessi dell'Italia e della Sardegna e non sottostare supinamente alle imposizioni di Unione europea e Usa».

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative