Turismo, a Budelli un sentiero porterà alla Spiaggia Rosa

Il Parco ha riaperto 2 percorsi per arrivare nei litorali più belli della piccola isola dell'Arcipelago maddalenino

INVIATO ALLA MADDALENA. Per vedere da vicino il paradiso basta percorrere la via rosa. È il sentiero che il Parco ha disegnato a Budelli per poter ammirare la Spiaggia Rosa. Un’opera d’arte della natura da contemplare da lontano. Come la Gioconda. Basterà seguire la strada ritagliata tra ginepri e macchia mediterranea per restare rapiti nel guardare la perfezione del litorale spennellato di rosa. Chi sceglierà la Strada azzurra attraverserà invece il cuore di Budelli per raggiungere la spiaggia del Cavalieri. Prima dell’estate la via rosa e la strada azzurra saranno aperti al pubblico. È il primo intervento dell’ente guidato dal commissario Leonardo Deri per valorizzare l’isola di proprietà dello Stato. La passeggiata trai sentieri si potrà fare in solitaria o con i ciceroni di Budelli. Le guide regionali assunte dal Parco accompagneranno i turisti alla scoperta dell’isola. Un percorso di storia, natura e archeologia.

Escursioni a colori. Meno blindata, più protetta. È un po’ questa la filosofia del commissario Deri applicata all’isola rosa. «La polemica sull’acquisto di Budelli potrebbe andare avanti all’infinito – commenta Deri che è anche comandante della Capitaneria di porto della Maddalena –. Bisogna lasciarsi alle spalle questi sterili discorsi e guardare avanti. Ormai l’isola appartiene al Parco ed è compito dell’ente valorizzarla. Partiamo dai primi due sentieri, a cui spero se ne possa aggiungere un terzo, per raggiungere Monte Budello, il punto più alto dell’isola». Due percorsi per vivere Budelli in modo diverso. «Con grande anticipo rispetto al passato abbiamo approvato il bilancio – aggiunge Deri –. Abbiamo quindi previsto al suo interno l’assunzione di 12 guide regionali, che saranno operative in alcuni siti dell’arcipelago, tra cui Budelli. Non si tratta di strade per andare in spiaggia, ma di percorsi per escursionisti, con descrizione delle piante, della storia, nel caso della Spiaggia Rosa dei vincoli». Un pontile galleggiante dietro Cala di Roto permetterà di raggiungere in sicurezza il sentiero.

Web cam. Nel bilancio del Parco c’è un’altra voce dedicata a Budelli. Occhi bionici fissi sulla Spiaggia Rosa con base operativa a Guardia Vecchia. «Avranno diverse finalità – spiega il commissario Deri –. Daremo la possibilità di vedere in diretta la Spiaggia Rosa attraverso il sito del Parco, ma soprattutto avremo uno strumento di controllo, 24 ore su 24, su un litorale con il massimo livello di vincoli».

Studi contro l’erosione. Ma l’impegno del Parco non si limita alla reginetta di Budelli. La Spiaggia del Cavalieri, sorella povera della Spiaggia Rosa, sarà al centro di un nuovo studio del Cnr di Oristano e Napoli. Da un primo monitoraggio è emerso che il lido del Cavalieri subisce un’erosione progressiva. Colpa prima di tutto del cambiamento del clima, che ha generato un cambio di correnti ma anche della regressione delle praterie di posidonia e per il 10 per cento della presenza di bagnanti. Il commissario Deri ha deciso di rinnovare la convenzione con il Cnr e di affidargli non solo lo studio, ma anche l’elaborazione di un piano per combattere il fenomeno dell’erosione al Cavalieri.

Turisti a peso d’oro. Il Parco ha studiato in parallelo un’altra strategia per alleggerire il peso antropico su Budelli. Le barche da traffico che non faranno scendere i passeggeri in spiaggia ma li faranno solo tuffare nei punti di sosta individuati al largo o percorrere i sentieri rosa e azzurro, potranno trasportare più persone. Oggi il numero di passeggeri è calcolato al ribasso, in base alle vecchie autorizzazioni del Parco. Sarà invece ripristinata la reale portata stabilita nella licenza.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes