regione

Coniglio selvatico: la caccia in Sardegna è proibita definitivamente

Il Tar conferma la sospensiva, udienza di merito a giugno 2020 a stagione conclusa


17 ottobre 2019


CAGLIARI. Stop definitivo alla caccia al coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) in Sardegna. Il Tar, con un'ordinanza collegiale, ha infatti deciso la sospensione parziale del calendario venatorio 2019-2020 adottato dal Comitato Faunistico regionale, confermando le motivazioni già espresse con un primo decreto firmato dal presidente del Tribunale amministrativo. L'udienza di discussione sul merito della causa è stata fissata per il 9 giugno 2020, decretando di fatto la chiusura della caccia ai conigli selvatici per tutta la stagione 2019-2020. Il ricorso era stato presentato da Wwf e Gruppo d'Intervento Giuridico (Grig): nel mirino la mancanza di un reale censimento «che assicuri la sopravvivenza della specie faunistica oggetto di caccia».

Ora i giudici spiegano che oltre alle indicazioni dell'Ispra, c'è «la necessità di una attenta ed immediata valutazione degli effetti del prelievo sulla sostenibilità biologica». Nell'ordinanza si precisa che la Regione ha posto, con il decreto impugnato, un limite numerico, sia giornaliero che complessivo, al numero dei capi abbattibili, ma «non risulta che tale numero sia stato commisurato alla dinamica della popolazione e all'adozione di meccanismi di controllo sugli effetti del prelievo». Non solo. «Gli indicati limiti numerici appaiono peraltro molto elevati, in rapporto al numero dei potenziali cacciatori ed anche tenuto conto del numero di capi che risultano prelevati nelle ultime stagioni venatorie».

Il ricorso delle associazioni ambientalisti era partito dopo che il Comitato faunistico regionale aveva autorizzato un «carniere potenziale complessivo giornaliero di 107.961 capi abbattibili e di 899.675 esemplari abbattibili nell'intera stagione venatoria a fronte - denuncia il Ggig - di un carniere potenziale giornaliero di 3 capi abbattibili e di ben 25 nell'intera stagione per ognuno dei 35.987 cacciatori».(Ansa).

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.