Gli antimilitaristi: "Solinas vuole i Sassarini? Pensi a investire fondi sulla sanità"

Unamanifestazione di AForas davanti al palazzo del consiglio regionale

AForas critica il Governatore: "Per combattere il coronavirus non serve sparargli contro ma mettere gli ospedali nelle condizioni di lavorare adeguatamente"

CAGLIARI. «Dopo aver evocato senza successo l'intercessione dei santi per porre fine a una crisi sanitaria figlia anche dei costanti tagli subiti dal sistema sanitario nel corso degli anni, il governatore sardo Christian Solinas chiama in causa la Brigata Sassari. Militari nella nostra isola ne abbiamo fin troppi e più che combattere le malattie, ce le hanno portate, con le loro sperimentazioni di armi all'interno dei poligoni».

Così gli antimilitaristi di AForas vanno all'attacco del presidente della Regione accusato di «voler deviare l'attenzione da quelli che sono i reali e gravi problemi che sta incontrando il sistema sanitario sardo». «Una volta individuato il nemico, chiunque esca di casa, pur seguendo le direttive dei decreti emanati dal Governo Italiano – affermano in una nota - questo è indicato come il maggior responsabile dei contagi da Covid-19 e per questo va combattuto e soltanto così si potrà contenere l'epidemia.La verità è che la buona parte dei contagi sta avvenendo purtroppo all'interno delle strutture sanitarie, sotto pressione, totalmente inadeguate, prive di strumentazioni e dotazioni di sicurezza di base e da qualche giorno addirittura interessate da un provvedimento che vieta agli operatori di lamentarsi pubblicamente della situazione disastrosa che si trovano davanti».

«Il virus non lo si combatte sparandogli addosso - conclude AForas - ma con degli investimenti seri nel sistema sanitario, con un adeguamento delle strutture, con un forte incremento di uomini e donne in camice verde, e non di uomini e donne in divisa mimetica».(ANSA).

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes