Alitalia taglia i voli: gli scali di Alghero e Olbia penalizzati

Dopo la sbornia estiva restano solo le briciole della continuità: niente collegamenti la sera in partenza dagli aeroporti catalano e gallurese

SASSARI. Le vicende dei trasporti nell’isola assomigliano sempre più a una telenovela che di giorno in giorno si arricchisce di colpi di scena, ma sempre con i cittadini - sardi ma non solo - nella parte delle vittime. Anche quest’anno, terminata la (breve) sbornia estiva, le compagnie aeree hanno battuto in ritirata dalla Sardegna.

All’isola è rimasta più o meno solo la continuità territoriale. O meglio le briciole della continuità, perché i nuovi orari autunnali hanno fatto precipitare la Sardegna in un ulteriore isolamento.

Dal 1 ottobre, infatti, un sardo che parte da Alghero o Olbia riesce ad andare e tornare in giornata, ma chi invece arriva in Sardegna da Roma o Milano non ha la stessa opportunità ed è costretto a trascorrere una notte nell’isola.

Gli ultimi voli per Linate sono a metà pomeriggio, quelli per Fiumicino addirittura alle 11 del mattino. Uno schiaffo al diritto alla mobilità dei sardi e dei cittadini in genere.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

 

 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes