Deposito scorie nucleare, la Sardegna chiede più tempo per le osservazioni

L'assessore all'ambiente Lampis. "Abbiamo osservato che i 60 giorni dati dal governo non sono sufficienti"

CAGLIARI. «Abbiamo chiesto al Governo più di 60 giorni per predisporre le osservazioni sulla Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) ad ospitare il deposito unico delle scorie radioattive, perché non si tratta di un normale procedimento amministrativo».

Lo ha detto l'assessore regionale della Difesa dell'ambiente della Sardegna, Gianni Lampis, al termine della videoconferenza col ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, alla quale ha partecipato, su delega del presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, come coordinatore della Commissione Ambiente ed energia della Conferenza. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes