Risalgono i contagi nell'isola: la situazione peggiora ovunque

In Sardegna 16 centri in zona rossa. Il commissario Temussi: "Ma con i lockdown mirati si riesce a congelare la situazione"

SASSARI. La risalita del virus, dopo tre settimane di zona bianca, è cominciata dai piccoli centri: il grosso del contagio si è sviluppato al di fuori dalle grandi aree metropolitane: «Dalla ripartenza è stato così - dice il commissario dell’Ats-Ares, Massimo Temussi -. Per certi versi è stato un bene: nelle aree urbane sarebbe stato più problematico mentre con lockdown mirati si riesce a congelare la situazione».

Sono intanto diventati 16 i Comuni sardi in zona rossa. Forse qualcosa non sta funzionando, perché il contagio si sta espandendo verso comunità più grandi: Sassari, Nuoro, Maomer, Alghero (dove c'è stato un boom di casi): la situazione peggiora ovunque. Soprattutto c’è un nuovo aumento dei ricoveri: 297 i pazienti attualmente in reparti non intensivi (+19) e 47 (+2) in terapia intensiva. Anche il monitoraggio dell’agenzia Agenas segnala in Sardegna un incremento dei ricoveri Covid-19: in una sola settimana è stato del 7% nei reparti di terapia intensiva.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes