Covid, la Sardegna accelera nelle vaccinazioni

Nelle ultime 24 ore inoculate quasi 11 mila dosi. Somministrate sinora l'87,2 per cento delle fiale disponibili

CAGLIARI. La Sardegna continua ad accelerare nelle vaccinazioni, che ieri hanno toccato quota 10.597. Si è trattato soprattutto di prime somministrazioni. Ora l'Isola ha inoculato l'87,2% delle fiale disponibili, cioè 402.768 su 461.910 consegnate dalla struttura commissariale che ha annunciato proprio oggi di avere assegnato un target giornaliero di somministrazioni a ciascuna Regione da rispettare quotidianamente e nell'arco di una settimana.

Per la Sardegna occorre arrivare a quota 11.000 dosi giornaliere e 77.000 in sette giorni nella settimana che va dal 16 al 22 aprile: questo significa che l'obiettivo è a portata di mano ma che in soli due giorni la macchina approntata da Ats e Regione dovrà somministrare più vaccini di quelli fatti nei giorni scorsi. Insomma un'accelerata che potrebbe arrivare anche dalle 11.200 fiale di Moderna consegnate ieri nell'Isola e che dovrebbero essere messe a disposizione dei medici di famiglia per l'attività domiciliare, che però stenta ancora a decollare.

Inoltre il portale per la richiesta dei vaccini è operativo per i medici di base che potranno somministrarli a domicilio o nel loro studio: 13 punti di ritiro tra cui scegliere per avere il siero. Basta specificare il numero delle dosi da utilizzare e il tipo di richiesta (prima vaccinazione, richiamo, approvvigionamento hub, trasferimento interno per compensazioni ordini). Secondo le linee guida del 24 marzo i professionisti che desiderano inoculare nello studio devono avere determinati requisiti, tra i quali la doppia sala d'attesa o due sale visita, un assistente-collaboratore e l'infermiere, oltre, naturalmente, al frigo per custodire le dosi. Intanto, però, risale la curva dei contagi. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes