Acqua frizzante rivoluzione green e nuovo look

Il titolare Simula: «Puntiamo al 100% di materiale riciclabile Nuovo formato in alluminio e più attenzione verso il vetro»

«Ragazzi, ragionando sul vostro futuro pensate al tema dell’innovazione, applicato all’ambiente e all’artigianato, alla comunicazione del turismo. C’è bisogno di raccontare le nostre peculiarità, le nostre realtà e i nostri prodotti. Ma c’è anche bisogno di perfezionare e innovare questo racconto. Nei prossimi dieci venti anni in Sardegna ci sarà bisogno di voi e delle vostre idee». Pier Mario Simula, socio del Gruppo Acqua San Martino - l’altro è il fratello Luca, amministratore della società - e responsabile della comunicazione dell’azienda dà questo prezioso consiglio agli studenti del progetto La Nuova@Scuola. Si collegano in centinaia sulla piattaforma Zoom: il video integrale è disponibile sul sito www.lanuovaascuola.it. Carlotta, Vittorio, Aurora, Riccardo ed Eleonora si armano di curiosità e taccuini trovando risposte ad ogni singola domanda posta. Una storia di famiglia e di impresa, di amore per la terra. E per l’acqua. «È dal 1902 che imbottigliamo acqua minerale. Un’acqua speciale la nostra, una delle poche al mondo ad essere classificata come ricca di minerali – spiega – L’iperminerale più venduta in Italia e l’acqua San Martino, storia che sgorga oltre 3000 anni fa e che nei secoli ha richiamato l’attenzione dei romani e dei Savoia». Marketing e comunicazione sono elementi fondanti, basati su qualità riconosciute e su un pensiero lungimirante: «Amiamo definirla acqua spettacolare, e amiamo raccontarla nella sua particolarità. Tanti i premi e le certificazioni, grandissima l’attenzione all’innovazione. Attualmente stiamo rivoluzionando la struttura. Stiamo sostituendo tutti i macchinari, puntando su un aumento della produzione con sguardo rivolto all’ambiente e l’obiettivo di arrivare al 100% di materiale riciclabile fra etichette e bottiglie. Introdurremo il nuovo formato in alluminio e spingiamo sul vetro a rendere».

Il Gruppo, oltre alla San Martino, imbottiglia anche Giara e Sandalia. Una azienda moderna e dinamica, aperta al dialogo con l’esterno. Una azienda con 40 persone impiegate, diversi know how coinvolti, un bacino acquifero da 26 mila ettari e 15 milioni di litri imbottigliati. Nella chiacchierata si spazia dalla nuovissima etichetta che richiama i colori rosso e blu ai processi di lavorazione, arrivando sino ai mercati cui il prodotto è destinato. Dall’esperimento (riuscito e replicabile) della birra San Martino a quello (riuscito) delle bottiglie “pink” che però ora lasceranno nuovamente spazio ad un ritorno al passato: acqua iperminerale frizzante in bottiglia trasparente e completamente riciclabile. Dalla possibilità di svolgere tirocini e stage in azienda all’attenzione alle campagne di educazione sull’utilizzo dell’acqua.

«Un incontro foriero di innumerevoli spunti che ci stimola ad affrontare la sfida del futuro con ancora più entusiasmo» dice Pier Mario Simula. Molto soddisfatti studenti e docenti. La missione, ancora una volta, è compiuta. (g.d.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes