Fondazione Mosos, una maratona per orientarsi dopo il diploma

L’iniziativa coinvolge gli studenti delle IV e V Superiori. L’obiettivo: promuovere e sviluppare l’offerta degli Its 

Si chiama “Orient-Attivo” ed è una maratona che vedrà come protagonisti gli studenti delle classi IV e V delle Secondarie di secondo grado (le Superiori) dell’isola. A organizzarla è la Fondazione Mosos (per la mobilità sostenibile e per il mare) una delle quattro Fondazioni che compongono il sistema Its, Istituti tecnici superiori, in Sardegna.

«Si tratta – spiega Claudia Caddeo, tutor orientamento per la Fondazione Mosos – di un percorso di studi post diploma che nasce dalla collaborazione tra il Ministero e le aziende. Noi formiamo le figure professionali sulla base delle necessità che arrivano dal mercato, rimodulando i percorsi di volta in volta per soddisfare le richieste e colmare il divario tra domanda e offerta. Abbiamo un obiettivo da rispettare: fare in modo che almeno l’80 per cento degli allievi trovi una occupazione al termine del percorso di studi nelle aziende che hanno richiesto quelle professionalità. Infatti la formazione degli allievi avviene per metà con docenti universitari e per metà con docenti indicati dalle stesse aziende. Gran parte degli studenti – aggiunge Claudia Caddeo – ottengono un contratto a tempo indeterminato». Oltre alla Fondazione Mosos ci sono gli Its Efficienza energetica a Macomer, Its Tagss sull’agroalimentare a Sassari e Its Tac, Turismo e attività culturali, a Olbia.

«Ogni anno il Ministero assegna un finanziamento per portare avanti progetti legati alla formazione e questa volta ha scelto la Fondazione Mosos», dice Claudia Caddeo – Così è nata l’idea della maratona, con il duplice obiettivo di fare conoscere agli studenti la nostra attività e i suoi importanti risvolti economici, favorire l’offerta formativa dei quattro Its ma anche responsabilizzare gli studenti a una scelta consapevole per il proprio futuro e valutare la possibilità Its come alternativa al sistema universitario. Attraverso la maratona – aggiunge la tutor – rendiamo i ragazzi promotori attivi ancora prima che fruitori».

L’iniziativa della Fondazione Mosos è condotta in partenariato con gli altri tre Its, l’assessorato regionale alla Pubblica istruzione, Aspal, Anpal e Anci «e consente ai partecipanti di ottenere 20 ore di Cpo». Gli studenti potranno partecipare singolarmente e in gruppo e dopo due incontri-seminari formativi saranno chiamati a confrontarsi su questi argomenti: storia dell’Its nazionale, storia dei 4 Its sardi e offerta formativa, sviluppo di idee innovative per la promozione dell’Its e orientamento continuo. «Le loro risposte ci aiuteranno a proporre un’offerta sempre più in linea con il mercato – dice Claudia Caddeo – perché essendo nati solo nel 2014 c’è ancora un notevole divario tra domanda e offerta».

Per partecipare, le autonomie scolastiche dovranno inviare entro domani 30 aprile la candidatura alla mail fondazionemosos@gmail.com. Le cinque migliori scuole saranno premiate con uno strumento tecnologico a loro scelta utile per la didattica. La premiazione, questo è l’auspicio, si svolgerà in presenza.https://www.fondazionemosos.it/ (si. sa.)
 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes