Una esperienza all’estero per tracciare il futuro

Le tante opportunità illustrate dagli esperti dell’Agenzia Da Eurodesk a Tms, i percorsi post diploma e universitari 

Una delle colonne portanti dell’edizione 2020-2021 del progetto La Nuova@Scuola è l’Aspal, elemento chiave per lo sviluppo di un discorso che punta a stabilire un contatto diretto fra mondo della scuola e mondo del lavoro. Più volte gli esperti dell’Agenzia sarda per le politiche attive del lavoro hanno incontrato, virtualmente, gli studenti delle oltre 60 scuole dell’isola aderenti all’iniziativa del quotidiano La Nuova Sardegna. A rappresentare l’Aspal sono Maria Columbu, Massimiliano Melis, Francesca Pasini e Manuela Atzori. Progetti internazionali e orientamento alla ricerca del lavoro, argomenti che coinvolgono i ragazzi, studenti di oggi ma professionisti del domani che cominciano a lavorare sulla costruzione del loro futuro. Massimiliano Melis guida i ragazzi alla scoperta del Portale Eures, del Tms (Targeted mobility scheme) e dell’European online Job days, eventi dinamici di reclutamento. «Eures è una rete capillare composta da oltre 1000 consulenti in tutta Europa, che mette a disposizione una serie di informazioni specifiche e utili ad agevolare il libero movimento dei lavoratori dei paesi dell’Unione Europea, e favorire l’incontro fra domanda e offerta. Il portale dedicato è ovviamente a disposizione. Esistono poi programmi come il Tms che, principalmente dal punto di vista finanziario ma anche logistico e della lingua, aiutano a sviluppare processi legati alla sopra citata mobilità». Francesca Pasini si occupa di programmi e progetti di mobilità resto Aspal. Il focus si concentra su Eurodesk e Eurodyssey. «Eurodesk è la rete ufficiale del programma Erasmus+, utile a promuovere le iniziative comunitarie promosse dalle istituzioni comunitarie in favore dei giovani. Sull’isola Eurodesk è operativa presso i centri dell’impiego di Cagliari, Quartu Sant’Elena, Oristano, Olbia e Lanusei. Fondamentale il rapporto con le scuole, incentivato grazie alla programmazione di seminari ad hoc. Eurodysssey si rivolge invece a un target di diplomati, programma che esiste da 35 anni ed è ormai collaudato». Intervengono Wanda, Nicolò e Roberta, la professoressa Medda del “Da Vinci” di Lanusei, Stefano. Esperienze all’estero e lavoro in Sardegna, consigli su come spendere al meglio il percorso di studi e le competenze scolastiche: queste alcune delle curiosità espresse. Manuela Azori pone infine l’accento sulle opportunità offerte dal Master & Back: «Destinatari del programma sono studenti che scelgono di approfondire nel post laurea specialistica magistrale o del vecchio ordinamento il loro percorso di alta formazione. Il master & back nasce in Sardegna , ma oggi è diventata best practice diffusa in altre parti d’Italia. Occhio a Ict, agrifood, green, cultura e turismo sostenibile: questi alcuni dei settori su cui vale la pena investire». Tutti i dettagli sono contenuti nel video dell’incontro caricato integralmente sul portale www.lascuolaèlavoro.it. Per informazioni su eurodesk: https://www.eurodesk.it/Aspal-Eurodesk_TTM2021, il link per iscriversi all'aspalMOVE è https://a2e2g0.emailsp.com/frontend/forms/Subscription.aspx?idList=10&idForm=3&guid=315b4556-7f42-47eb-8c4f-25786301337f. (g.d.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes