La Nuova Sardegna

Per la Sardegna navi vecchie, ritardi, nubi sulle tariffe: interrogazione al ministro

Per la Sardegna navi vecchie, ritardi, nubi sulle tariffe: interrogazione al ministro

Marilotti, Floris e Cucca con altri undici colleghi sollevano il problema dei crescenti gravi disservizi nei trasporti marittimi per l'isola

06 luglio 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Per venire in Sardegna succede che l'orario del traghetto, per esempio a Livorno, venga spostato di quasi 24 ore. Succede che un viaggio di 6 ore finisca per durarne 10 a causa della sostituzione della nave con una meno veloce, meno capiente e più vecchia, con strazio di ogni appuntamento preso prima di partire, non importa che si trattasse di una visita medica o del ritorno a casa di una persona ammalata. L'estate 2021 si presenta ancora una volta molto nebulosa sul tema dell'affidabilità e della congruità economica del trasporto marittimo da e per la Sardegna, e questo nonostante le associazioni degli emigrati sardi, tanto per fare un esempio, abbiamo protestato in ogni forma possibile.

[[atex:gelocal:la-nuova-sardegna:opinioni:1.40468137:gele.Finegil.StandardArticle2014v1:https://www.lanuovasardegna.it/opinioni/2021/07/06/news/trasporti-via-mare-ora-i-sardi-rischiano-il-default-1.40468137]]

Ecco perciò che i parlamentari Marilotti, Floris e Cucca, assieme ai colleghi Fenu, Evangelista, Rampi, Astorre, D'Arienzo, Fedeli, D'Alfonso, Pittella, Roic, Stefano, Taricco, hanno presentato un'interrogazione con richiesta di risposta scritta al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti per sapere "quali misure urgenti intenda il Ministro adottare per garantire, in particolare durante la stagione estiva in corso, l'effettivo diritto alla mobilità dei sardi e dei turisti che intendono raggiungere l'isola e per ridurre sensibilmente i numerosi disservizi che si stanno verificando nel corso degli ultimi giorni". I parlamentari chiedono "quali iniziative intenda intraprendere, in accordo con le Compagnie di trasporto marittimo di passeggeri, per migliorare i servizi di collegamento marittimo da e verso la Sardegna durante tutto l'anno e per rendere effettivo il principio della continuità territoriale in Sardegna, e affinché sia attuata una consistente riduzione dei prezzi dei biglietti del trasporto marittimo di passeggeri da e verso la Sardegna, anche al fine di favorire un maggiore afflusso di turisti e il rientro di emigranti sardi nell'isola".

Un'interrogazione quanto mai opportuna alla luce anche dell'ultima questione entrata nella scena del trasporto marittimo da e per la Sardegna: l'accettazione del concordato per Moby e Tirrenia da parte del tribunale di Milano e quindi la decisione dell'armatore Onorato di rinunciare alle tratte in continuità territoriale. Cosa succederà nelle prossime settimane col mercato, unico regolatore del regime tariffario?

Elezioni regionali 2024
DIRETTA

Elezioni regionali in Sardegna, lo spoglio in tempo reale: guida Paolo Truzzu. Ma a Sassari e Cagliari Alessandra Todde è avanti di 19 punti – DIRETTA

Le nostre iniziative