Vaccinato il 60 per cento dei sardi, ma la prima dose non basta

Su 49 ricoverati la maggior parte non si è sottoposto ad alcuna vaccinazione, tre hanno completato il ciclo ma uno solo è grave, un anziano con patologia tumorale

CAGLIARI. In linea con la media italiana la Sardegna si appresta a varcare la soglia del 60% della popolazione vaccinata con almeno una dose: nell'Isola sono state somministrate complessivamente 1.623.850 dosi il 92,5% delle 1.754.622 consegnate dalla struttura commissariale. Attualmente la prima inoculazione o la monodose è stata data a 945.846 residenti, mentre la seconda dose a 663.559 sardi.

Nella sola giornata di ieri le somministrazioni sono state 16.947, di cui 12.244 richiami e 4.703 prime dosi. Ma a preoccupare è l'aumento dei contagi (ieri 140 con un balzo in avanti rispetto agli ultimi giorni) e la diffusione della variante Delta. Crescono, seppur di poco anche i ricoveri, tanto che all'ospedale Binaghi di Cagliari si sta già valutando di riaprire un reparto Covid in un altro piano della struttura per accogliere eventuali altri pazienti.

«Allo stato attuale i ricoverati per Covid-19 in Sardegna sono 49, tutti al Binaghi di Cagliari, di cui 45 in reparti di degenza è 4 in terapia intensiva - dice all'Ansa il direttore sanitario del polo ospedaliero del capoluogo sardo Sergio Marracini .- Tre sono i vaccinati con anche la seconda dose di cui però uno è un anziano con tumore che evidentemente ha risposto male alla vaccinazione. Gli altri due invece due sono in condizioni non gravi. Poi ne abbiamo altri 5 con prima dose di vaccini vari e questo dimostra che la prima dose può coprire ma non in maniera certa ed è chiaro che servono entrambe le dosi per essere protetti».

Secondo Marracini, «la situazione è in lenta evoluzione e dobbiamo aspettare la fine del mese per vedere tutti gli effetti delle riaperture per un ritorno alla vita normale che era prevedibile che potessero dare qualche problema nonostante le vaccinazioni. Speriamo ora di convincere anche quelli che non si vogliono vaccinare perché il problema vero è questo: le tante persone che non si vogliono vaccinare perché adducono 100.000 motivi». (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes