Covid, Solinas: "Per gli arrivi dai paesi a rischio la Sardegna deve ancora provvedere da sé"

Inutilmente l'isola ha sollecitato Stato ed Europa perché si disponessero i controlli dei turisti alla partenza, nell'ordinanza in preparazione si deve affrontare una situazione complessa

CAGLIARI. Nell'isola si punta il dito contro il pericolo Covid rappresentato dagli arrivi delle persone da zone del mondo dove ormai è prevalente la variante Delta e lo stesso presidente della Regione Solinas ha detto che è in preparazione un'ordinanza. Ma per la Sardegna non è una strada semplice: gli arrivi turistici sono al ritmo di migliaia al giorno e l'apparato dei controlli è difficile da rimettere assieme. Inutilmente sono stati sollecitati il Governo e l'Europa perché si disponessero i controlli dei turisti alla partenza. «Invece - ha detto il presidente Solinas - ancora una volta la Sardegna dovrà provvedere da sé».

Il servizio di Roberto Petretto sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes