Cagliari, furti di sabbia e conchiglie: 11 turisti multati

Materiali recuperati in aeroporto in una foto d'archivio

Operazioni dell'agenzia delle dogane e della guardia di finanza all'aeroporto

CAGLIARI. Undici predatori di sabbia e conchiglie dalle spiagge del sud Sardegna, più qualche ciottolo e perfino un frammento di roccia, incastrati nei controlli dei bagagli a raggi x alla partenza dall'aeroporto di Elmas. Dovranno pagare multe fino a 3mila euro a seconda degli illeciti souvenir che si stavano portando via illegalmente. Nonostante le campagne di sensibilizzazione, i cartelloni informativi e gli spot, sono quindi proseguiti a giugno e luglio i furti di sabbia e conchiglie dalle spiagge della Sardegna. Gli undici predatori sono stati scoperti nelle ultime settimane dai funzionari dell'Agenzia delle dogane di Cagliari impegnati nei controlli, insieme a Guardia di finanza e personale della sicurezza dello scalo aeroportuale di Cagliari-Elmas.

Nei bagagli dei viaggiatori diretti a Roma, Bari, Milano, Genova, Taranto e Arezzo, ma anche Berna, Madrid, Bucarest, sono stati trovasti complessivamente 2,2 chili di sabbia contenuta in bottiglie di plastica, 512 ciottoli di mare, 740 conchiglie e una roccia. Tutto era stato rubato dagli arenili di Villasimius, Costa Rei, Perd'e Sali, Santa Margherita di Pula, Isola di San Pietro e dalla spiaggia del Poetto di Cagliari. Per i turisti, che hanno dichiarato di non conoscere la normativa che vieta il prelievo di materiale dalle spiagge , sono scattate multe abbastanza salate a ricordo delle loro vacanze nell'isola.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes