Fiamme a Serri, Bottida, Telti e Tortoli

ORISTANO. Non sono ancora finite, e continueranno anche nei prossimi giorni, le operazioni per bonificare e spegnere gli ultimi focolai del gigantesco rogo che ha devastato il Montiferru. Ieri negli...

ORISTANO. Non sono ancora finite, e continueranno anche nei prossimi giorni, le operazioni per bonificare e spegnere gli ultimi focolai del gigantesco rogo che ha devastato il Montiferru. Ieri negli interventi sono state impiegate 32 unità del Corpo Forestale del Servizio ripartimentale di Oristano, 26 unità del Corpo Forestale delle colonne mobili provenienti dai Servizi di Cagliari, 30 operatori dell'Agenzia Forestas, 21 operatori della Protezione civile e 8 barracelli. In volo complessivamente 11 elicotteri della flotta regionale e sei Canadair.

Ma mentre si lavora per spegnere gli ultimi focolai nell’oristanese, si registrano altri 13 incendi nell'Isola, sei dei quali hanno impegnato anche i mezzi aerei della flotta regionale e nazionale, oltre alle squadre a terra. Il più grave nel sud Sardegna a Serri, in località «Cantoniera Santa Lucia», dove un'abitazione con annessa azienda è stata evacuata e il titolare salvato. Tutto il complesso era circondato dalle fiamme e non c'erano vie di fuga. Il proprietario è stato soccorso e poi visitato dai medici del 118. Un elicottero è intervenuto per spegnere l'incendio divampato a San Basilio, mentre due elicotteri, il Super Puma e due Canadair hanno lanciato bombe d'acqua su Bottida, nel Sassarese, assediata dalle fiamme. Sempre un mezzo aereo si è alzato in volo spegnere incendi a Tortoli, Ussana e a Teti.



WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes