Barbagia imbiancata e senza corrente

Paesaggi da cartolina ma a prezzo di disagi pesantissimi in tutto il Nuorese

NUORO. La neve caduta copiosa in tutta la provincia di Nuoro e in Ogliastra a partire da domenica ha regalato scorci da cartolina al capoluogo barbaricino ma anche innumerevoli disagi agli automobilisti e ai residenti nei Comuni dell’interno. Le prime criticità dovute al maltempo si sono registrate ieri mattina di buon’ora lungo la strada statale 389, la Nuoro-Lanusei, dove al chilometro 43 un articolato ha perso aderenza e si è messo di traverso sulla carreggiata. La disavventura è costata ai due passeggeri, soccorsi dall’ambulanza del 118, lievi contusioni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Nuoro, i carabinieri e le squadre dell’Anas. Un analogo incidente è stato segnalato all’uscita nord di Macomer. Qui per un camion finito in mezzo alla strada sono arrivate due squadre dei vigili del fuoco di Macomer e Oristano. In entrambe le strade – sulla statale 389 e nella provinciale che porta all’ingresso di Macomer – si sono registrati rallentamenti e code. Neve anche sulla piana di Campeda e ripetuti blocchi sulla statale 131 per via del fondo stradale ghiacciato. Forti rallentamenti si sono registrati sulla bretella che dalla 131 Dcn porta all’ingresso della città di Nuoro. Chiusa provvisoriamente, in entrambe le direzioni, anche la statale 295 tra i chilometri 0 e 15, a causa della caduta di un albero in carreggiata. In tutte le strade, sia sul versante di Macomer sia su quello ogliastrino e barbaricino grande è stato il lavoro degli agenti della polizia stradale di Nuoro al comando di Leo Testa. Ai problemi nella circolazione stradale si devono sommare quelli causati da una serie di guasti alla linea elettrica che hanno interessato le cabine principali da Fonni a Tiana. A Fonni, gli amministratori comunali sono riusciti a creare un ponte radio che ha permesso di comunicare con la centrale operativa di Cagliari che ha coordinato gli interventi. Problemi analoghi a Sorgono, rimasto quasi totalmente isolato. Qui un gruppo elettrogeno ha garantito l’operatività all'ospedale. Scuole chiuse, in via del tutto precauzionale, a Lanusei dove non ci si aspettava che la neve cadesse a 600 metri sul livello del mare come invece è accaduto nelle prime ore di ieri. (giusy ferreli)

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes