regione

Incendi, prorogata a marzo 2022 la scadenza per chiedere gli indennizzi

L'elenco dei paesi dove è stato riconosciuto il danno e quindi si può presentare l'istanza


01 febbraio 2022


CAGLIARI. «Nello scorso mese di dicembre, la Giunta regionale ha approvato i programmi di spesa per i contributi, pari ad oltre 15,6 milioni di euro, relativi ai danni al patrimonio privato provocati dagli incendi verificatisi nell'Isola da novembre 2019 al 2021. In seguito ad alcune richieste, abbiamo deciso di prorogare i termini per la presentazione delle domande di contributo a favore dei cittadini per i danni occorsi alle abitazioni, ai beni privati e alle attività economiche e produttive». Così l'assessore regionale della Difesa dell'ambiente, Gianni Lampis, con delega alla protezione civile, ha annunciato che i termini per la presentazione delle domande sono slittati all'11 marzo, mentre l'8 aprile sarà il termine entro il quale i Comuni dovranno completare l'istruttoria e trasmettere alla Protezione civile le tabelle riepilogative delle istanze ammesse a contributo.

«Inoltre, la Giunta regionale - ha aggiunto l'assessore Lampis - ha stabilito la possibilità di concedere il contributo, fino alla concorrenza dell'importo del danno, anche in presenza di indennizzi assicurativi o altre tipologie di contributo e di ritenere ammissibili le domande presentate dai cittadini che hanno subito danni, a prescindere dalla dichiarazione di stato di calamità o di emergenza da parte delle amministrazioni pubbliche competenti».

Il dettaglio della spesa complessiva di 15.616.822 euro: 1.616.822 sono stati stanziati per i danni al patrimonio privato, compreso il settore agricolo, per gli incendi verificatisi da novembre 2019 a tutto l'anno 2020 a Bonorva, Posada e Sarule; 10 milioni per i danni al patrimonio privato, escluso il settore agricolo, per gli incendi dal 23 al 30 luglio 2021 nei territori di Ales, Bonarcado, Cuglieri, Flussio, Magomadas, Sagama, Santu Lussurgiu, Scano di Montiferro, Sennariolo, Sindia, Suni, Tresnuraghes, Usellus, Villaurbana e Villaverde; 4 milioni per i danni al patrimonio privato, compreso il settore agricolo, per gli incendi divampati nel 2021 ad Abbasanta, Bauladu, Bonorva, Bortigali, Cabras, Decimoputzu, Dualchi, Fordongianus, Las Plassas, Macomer, Mandas, Orroli, San Basilio, Santu Lussurgiu, Serramanna, Sindia e Villasor (Ansa).

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.