regione

Centrali a carbone chiuse nell'isola in pochi anni

La centrale di Fiume Santo

Entro 24 mesi la Sardegna potrebbe avere nuovi sistemi di accumulo d'energia pari a quella dalle strutture che verranno dismesse


23 febbraio 2022 Giuseppe Centore


CAGLIARI. Tra due anni l’isola potrebbe dire addio al carbone, persino in anticipo sui tempi indicati dal governo. Una ipotesi di scuola, o uno studio di esperti del settore? No. Lo scenario che si avvicina a grandi passi sarà regolato da un contratto che verrà firmato nelle prossime settimane. Un contratto che prevede un dettagliatissimo progetto, un sistema di pagamenti dal sistema tariffario al privato e severe penali in caso di non rispetto dei tempi.

Insomma, in attesa del metano, o forse contro di esso, tra ventiquattro mesi in Sardegna saranno attivi nuovi (e innovativi) sistemi di accumulo di energia pari alla capacità prodotta da una delle due centrali a carbone oggi accese, e funzionanti a manetta in questi mesi, nell’isola. È l’esito dell’asta di Terna per il “mercato delle capacità”: l’isola avrà due parchi di rinnovabili e batterie, uno da 247 megawatt a nord, l’altro da 253 a sud

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.