La Nuova Sardegna

Ediltrophy a Bologna

Edilizia e lavoro in sicurezza: i campioni d’Italia sono sassaresi

di Silvia Sanna
Fernando Spina e Vincenzo Lai con Antonio Brundu
Fernando Spina e Vincenzo Lai con Antonio Brundu

Ediltrophy, Vincenzo Lai e Fernando Spina della Brumer premiati a Bologna

28 ottobre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Felicità è sollevare la coppa, vedere il proprio datore di lavoro con gli occhi lucidi e capire che sono stati riconosciuti anni e anni di impegno. Vincenzo Lai, 60 anni, sassarese, e Fernando Spina, 50, di Sorso, tornano a casa con la vittoria che regala più orgoglio. Dopo il primo posto alle selezioni regionali dell’Ediltrophy 2022 – gara di arte muraria – Vincenzo e Fernando hanno rappresentato l’Esep, Ente scuola edile province Nord Sardegna, alla finale nazionale di Bologna, dove hanno conquistato il premio speciale “lavorare in sicurezza”: significa che i due muratori dell’azienda Brumer costruzioni srl di Antonio Brundu sono stati i più bravi a gestire l’area di lavoro dal punto di vista della sicurezza, con il corretto utilizzo degli strumenti e dei dispositivi di protezione, e della pulizia, liberando regolarmente lo spazio da qualsiasi elemento di disordine o che potesse causare inciampi.

La loro fontana, realizzata in 5 ore con i mattoncini a vista, ha ottenuto molti complimenti dalla giuria, che ha apprezzato la speciale sintonia tra Vincenzo e Fernando: «Ci conosciamo da 23 anni – raccontano – per capirci ci basta uno sguardo, un movimento di sopracciglio. Perché lavoriamo allo stesso modo, mettendo sicurezza e pulizia in primo piano».

Merito anche di Antonio Brundu, 36 anni, giovane datore di lavoro ed ex allievo post diploma proprio della Scuola edile di Sassari, dove ha frequentato i corsi per la sicurezza e dove successivamente ha portato i suoi operai. Ex dipendente, 5 anni fa ha deciso di mettersi in proprio: la Brumer oggi occupa 20 persone e la formazione è una costante. «È fondamentale per la sicurezza degli operai e per la corretta realizzazione dei lavori: un cantiere dove si rispettano le regole è rassicurante per il cliente ed è un ottimo biglietto da visita. Per questo il premio vinto da Vincenzo e Fernando mi riempie di orgoglio».

Entusiasmo condiviso dal presidente Esep Leonardo Masia: «Vincenzo Lai e Fernando Spina hanno imparato qui le giuste modalità di gestione del cantiere per preservare la salute propria e dei colleghi. Per questo la soddisfazione maggiore è stata la premiazione dell’Esep come miglior squadra nazionale nel “lavorare in sicurezza”, vuol dire che siamo stati buoni maestri».
 

In Primo Piano
L’isola a secco

Dramma siccità, a Budoni «caccia alle streghe» verso chi usa l'acqua

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative