La Nuova Sardegna

Il caso

Firma digitale sospesa, disagi in Sardegna

Firma digitale sospesa, disagi in Sardegna

Servizio bloccato dal 26 settembre per un “problema amministrativo”. Disagi per i professionisti che usano la Carta nazionale dei servizi

27 novembre 2022
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari La comunicazione ufficiale è comparsa in due riprese: a fine settembre e a metà novembre, in entrambi i casi sui vari siti della Regione. Il messaggio è sempre lo stesso: «A causa di un problema amministrativo, il servizio di emissione dei certificati di firma sulle Ts Cns è sospeso».

Quale sia questo “problema amministrativo” non è dato sapere, ma il comunicato si premura di precisare che «tutte le altre operazioni di gestione del certificato di autenticazione sulle Ts-Cns (attivazione, cambio pin, consegna lettore e le altre) sono comunque assicurate». Poi una conclusione rassicurante: «Sarà comunicata tempestivamente la riattivazione del servizio» Sono passati due mesi.

Nel frattempo, però, utilizzare la firma digitale per i possessori di Tessera sanitaria Cns diventa impossibile: «È così da settembre – racconta una professionista –. Impossibile sottoscrivere documenti con la firma digitale: bisogna stampare, firmare e timbrare, scannerizzare e inviare».

Non dovrebbe trattarsi di un problema tecnico, simile a quelli riscontrati in passato in altre Regioni italiane, ma di un intoppo di altro tipo. Infatti lo stesso sito della Regione parla di “problema amministrativo”.

Difficile saperne di più dagli uffici della Regione. Secondo indiscrezioni ci sarebbero dei ritardi nel rinnovo della convenzione tra la Regione e l’azienda che garantisce il servizio. Sono trascorsi due mesi e il problema permane, con grande disappunto di tante persone che sulla comodità della firma digitale fanno affidamento ogni giorno per tutta una serie di adempimenti.

La Tessera sanitaria - Carta nazionale dei servizi è l’evoluzione tecnologica della vecchia tessera sanitaria. Oltre ai servizi sanitari normalmente offerti dal vecchio sistema, permette anche l’accesso ai servizi telematici messi a disposizione dalle pubbliche amministrazioni locali e centrali «in assoluta sicurezza, nel rispetto della privacy e con risparmio di tempo in spostamenti e code».

Nella carta è presente un microchip che garantisce il riconoscimento sicuro e tutela la privacy.

Il certificato di autenticazione contenuto nella Ts-Cns ha una validità di 6 anni (ma ci sono casi specifici in cui la validità è inferiore). Anche la tessera scaduta può comunque essere utilizzata come tesserino del codice fiscale. Tra le funzioni più innovative e importanti, rispetto alle tessere del passato, c’è appunto quello attualmente sospeso in Sardegna, ovvero il certificato di firma digitale, l'equivalente informatico di una tradizionale firma apposta su carta.

La firma digitale ha la funzione di attestare la validità, la veridicità e la paternità di un documento su mezzo informatico.

In Primo Piano
L’approfondimento

La trincea dei sindaci contro lo spopolamento, Nughedu San Nicolò lotta per non scomparire

di Paolo Ardovino
Le nostre iniziative