La Nuova Sardegna

Trasporti

Continuità territoriale, Volotea si ripropone ma l’assessore Moro chiede «affidabilità»

di Roberto Petretto
Continuità territoriale, Volotea si ripropone ma l’assessore Moro chiede «affidabilità»

Gli spagnoli vogliono la Olbia-Roma senza compensazioni. Ma a settembre le rotte sarde erano «insostenibili»

06 gennaio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Quelle rotte che pochi mesi fa apparivano non sostenibili sono ritornate ad essere improvvisamente allettanti per la compagnia spagnola Volotea. A metà settembre la lettera alla Regione che comunicava l’intenzione di non proseguire ad assicurare i voli in regime di continuità senza compensazione. Ieri il ripensamento: Volotea ha dichiarato di voler svolgere il servizio di continuità sulla rotta Olbia-Fiumicino e viceversa. Non solo: è disposta a farlo senza compensazioni. ovvero senza prendere soldi dalla Regione, con lo stesso modello che qualche mese fa le aveva consentito di “sfilarsi” e di lasciare la Sardegna in anticipo.

Ecco perché la notizia della decisione di Volotea non è stata accolta con manifestazioni di giubilo. Il “benvenuto” glielo ha dato l’assessore regionale ai Trasporti, Antonio Moro: «Nella delicata quanto vitale gestione della gara europea per la continuità territoriale aerea, la Regione ha dimostrato e dimostra credibilità e affidabilità. Auspichiamo che analoga credibilità e affidabilità dimostri la compagnia Volotea nel rispettare il termine del 26 ottobre 2024 per svolgere, senza compensazioni e senza esclusiva, la rotta Olbia-Fiumicino».

La ruggine tra Volotea e Regione è rimasta: sia per rinuncia anticipata, sia perché appena qualche giorno prima la compagnia spagnola aveva partecipato al bando sulla stessa rotta, offrendo un ribasso intorno al 13 per cento sulla base d’asta. Per fare un raffronto, AeroItalia si è aggiudicato le due rotte da Olbia con un ribasso superiore al 70 per cento. «Ci auguriamo quindi - aggiunge l’assessore - che l’impegno che la compagnia assume oggi con la Regione e con i sardi venga mantenuto sino al termine fissato per la scadenza degli oneri di servizio pubblico».

Di tutt’altro tenore le dichiarazioni di Carlos Muñoz, presidente e fondatore della compagnia iberica: «Volotea, attiva in Sardegna sin dal suo esordio, ha dapprima riconfermato l’importanza del mercato sardo attraverso la creazione, rispettivamente nel 2019 e nel 2021, delle basi di Cagliari e Olbia, e ora è determinata nel proseguire i suoi piani di sviluppo».

Il presidente di Volotea conferma la decisione di accettare di collegare Olbia e Roma Fiumicino in continuità territoriale, senza compensazione economica: «Il merito dell’ottimo esito delle performance di Volotea in Sardegna è anche da attribuirsi a tutti i nostri equipaggi sull’isola, più di 120 persone fra assistenti di volo e piloti, che con dedizione si impegnano ogni giorno nel proprio lavoro, regalando ai passeggeri un’esperienza di volo sempre più piacevole e confortevole».

Cosa accadrà ora? Entro il 31 gennaio potrebbero arrivare altre comunicazioni da parte di compagnie disposte a curare i collegamenti in continuità sulle rotte da e per la Sardegna, senza compensazione e senza esclusiva. Per ora la mossa di Volotea riguarda solo la tratta Olbia-Fiumicino e di fatto esclude AeroItalia che si era aggiudicata il bando della Regione. Ma lo stesso potrebbe accadere su altre rotte già aggiudicate, anche da parte di chi ha vinto il bando. AeroItalia, ad esempio, potrebbe decidere di assicurare la continuità senza compensazioni sia sulla Olbia-Fiumicino, sia su tutte le altre rotte. E lo stesso possono fare le altre compagnie. Insomma, per avere il quadro definito bisognerà attendere la fine del mese. Nel frattempo però potrebbe essere l’aggiudicazione e potrebbe iniziare la vendita dei biglietti per i voli da 16 febbraio in poi.

In Primo Piano
Il piano

L’estate sicura di Areus: ecco la mappa della nuova disponibilità dei mezzi di soccorso del 118 nell’isola

Le nostre iniziative