La Nuova Sardegna

Sanità

Influenza e Covid, farmacie sarde in crisi: scatta la caccia all’ibuprofene

di Claudio Zoccheddu
Influenza e Covid, farmacie sarde in crisi: scatta la caccia all’ibuprofene

Annis, Federfarma: «Situazione sotto controllo, ci sono gli equivalenti»

13 gennaio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Cercasi ibuprofene, paracetamolo, amatadina. Tempi duri per malati e ipocondriaci che dovranno fare a meno, o che faranno fatica a trovare i farmaci antinfiammatori, antibiotici e antivirali. La lista dei medicinali e dei loro principi attivi che mancano negli scaffali delle farmacie, o che potrebbero mancare presto, per il momento non sembra però preoccupare i farmacisti e nemmeno i clienti. Le farmacie dell’isola non sono state assaltate, non ci sono state razzie negli scaffali e la fobia del farmaco introvabile non ha ancora raggiunto l’isola, al contrario di altre regioni italiane in cui la corsa all’approvvigionamento dei medicinali è già iniziata. Il rischio di restare completamente all’asciutto sembra remoto ma, visti i tempi che corrono, sottovalutare i sintomi di un problema potrebbe essere un errore da non commettere.
I farmacisti «È vero, mancano alcune tipologia di farmaco, ma non c’è alcuna emergenza. La situazione è uguale al resto d’Italia e alla gran parte dell’Europa – spiega Pierluigi Annis, presidente regionale di Federfarma –. Alcuni farmaci stanno mancando, anche se in realtà per il momento mancano solo alcune marche di questi principi attivi, ad esempio gli antinfiammatori come il Brufen, o gli antibiotici per uso orale destinati ai bambini». I motivi, secondo Annis e secondo Federfarma, sono diversi ma accomunati da una sfortunata contemporaneità: «Si sono sovrapposti il Covid, un’influenza particolarmente aggressiva, la guerra e il caro prezzi che ha causato tanti problemi alle produzioni e ai trasporti. Se poi si considera che gran parte della produzione di questi principi attivi avviene in Oriente, non possiamo fare a meno di valutare le difficoltà che possono avere le produzioni di questo tipo nei Paesi che adesso sono nuovamente invasi dai contagi dell’ultima ondata del Covid». Ma in Sardegna, almeno per il momento, i rischi sembrano limitati: «Siamo ancora ben forniti – continua Annis – magari mancherà qualche marca precisa ma i farmaci possono essere recuperati o, in alcuni casi, preparati direttamente in farmacia. E poi ci sono gli equivalenti , in attesa che la bella stagione possa ridurre le patologie respiratorie e da raffreddamento». Per fortuna, le farmacie non sono state saccheggiate: «Per il momento non ci risulta, vuol dire che i sardi sono persone intelligenti che hanno comprato solo quello che gli serve», conclude Annis.
Le parole di Annis trovano conferma in quello che dicono i farmacisti di Sassari: «Il problema è che l’ibuprofene, per via del Covid e per le patologie influenzali, arriva razionato – dicono dalla farmacia Talu di Predda Niedda, a Sassari –. Non mancano le alternative, ma i dosaggi sono inferiori nei farmaci che si danno al banco senza ricetta». «Non è strano che in determinati periodi ci siano carenze, come quella dell’ibuprofene quando si raggiunge il piccolo dell’influenza stagionale – spiegano dalla farmacia Porcu di Corso Pascoli, a Sassari –. Si possono prendere equivalenti, ma i dosaggi non sono gli stessi. In questi giorni è mancato l’Augmentin, amoxicillina, l’antibiotico per eccellenza, Oppure il Clenil, un antinfiammatorio. Ovviamente, ci sono problemi con i clienti ma anche con i medici, che devono riorganizzare le terapie quando mancano certi farmaci. I motivi? Sono diversi ma è vero che in Italia i farmaci mutuabili costano poco e chi produce potrebbe prediligere mercati più ricchi». Alla farmacia Pisano, in Corso Vittorio Emanuele, sempre a Sassari, confermano la difficoltà nel reperire alcuni farmaci o principi attivi: «L’ibuprofene, soprattutto. Ma per fortuna non c’è stata una corsa all'accaparramento dei medicinali».

In Primo Piano
Meteo

Nubifragi e grandinate: dal Sassarese alle Baronie il maltempo colpisce il nord Sardegna

Le nostre iniziative