La Nuova Sardegna

a tu per tu
A tu per tu

Felicità è mare, yoga e libertà: la nuova vita di Camilla

di Silvia Sanna
Felicità è mare, yoga e libertà: la nuova vita di Camilla

Esperta di comunicazione, 44 anni, lavorava a Milano per lo studio Boeri. «Ho chiuso con lo stress, ho trovato la mia dimensione a Rena Majore»

15 marzo 2023
5 MINUTI DI LETTURA





Felicità è vedere il mare dietro la finestra, fare una passeggiata all’alba sulla spiaggia deserta, scegliere le verdure al mercato, raccogliere la legna per il fuoco nel caminetto. Felicità è respirare, respirare a lungo, prendersi del tempo per stare bene con se stessi e di conseguenza con gli altri. Camilla usa l’espressione “stare centrati”: vuol dire riuscire a capire cosa si vuole per conquistare il proprio posto nel mondo. Il suo è in Sardegna, a Rena Majore, tra Aglientu e Santa Teresa Gallura. È la casa di famiglia, quella che per gli altri è rimasta casa delle vacanze e per lei invece è diventata rifugio, nido, luogo dell’anima.

La scelta di Camilla Si chiama Camilla Pusateri, ha 44 anni e il suo motto è “male non fare, paura non avere”. E lei paura non ne ha mai avuto, quando ha lasciato Cagliari per andare a studiare a Modena, quando ha cambiato più volte città e professione tra Venezia e Milano e quando infine si è guardata dentro e ha scelto ancora la Sardegna, la Gallura, «perché l’energia che c’è qui è unica e perché questi luoghi sono sempre stati un pensiero fisso, ricorrente in tante situazioni della mia vita». Poco più due anni fa Camilla ha chiuso la sua casa a Milano e si è trasferita definitamente in Sardegna. Lei lavorava per lo studio di architettura di Stefano Boeri come consulente della comunicazione, partecipava a eventi e iniziative bellissime e prestigiose. Usciva di casa presto al mattino e rientrava quando fuori era già buio. Oggi Camilla insegna yoga sulla spiaggia e nella pineta di Rena Majore d’estate e d’inverno, quando piove lei e il suo gruppo si spostano in un luogo al chiuso. Ogni mattina all’alba è in spiaggia, a camminare e a respirare, la sua giornata è scandita dai tempi della natura, del sole e del vento.

La ricerca della felicità Tante volte Camilla l’ha assaporata, perché la sua vita – racconta – è stata sempre piena e intensa. Ma solo ora ne ha colto davvero l’essenza. «Sono veneziana, ma ho vissuto in Sardegna, a Cagliari, sino ai 18 anni perché il lavoro di mio padre ci ha portato qui. Dopo la maturità classica al Liceo Siotto Pintor mi sono trasferita a Modena per studiare giurisprudenza. Dopo la laurea ho iniziato il praticantato a Venezia ma ho capito di non essere tagliata per fare l’avvocato ma per le relazioni, il mondo della comunicazione, e sono andata a a Milano». Per otto anni Camilla ha lavorato con l’ufficio stampa dei programmi televisivi di Maria De Filippi, a stretto contatto con volti noti e artisti emergenti, «un impegno molto stimolante e intensissimo». Poi ancora il tuffo nella musica con gruppi under ground che si autoproducevano e subito dopo la proposta di collaborazione dallo studio dell’architetto Stefano Boeri: ha lasciato i progetti musicali per dedicarsi alla comunicazione internazionale. La sua vita ha ricominciato ad andare a mille giri, Camilla ha fatto suoi i ritmi milanesi: sveglia presto, yoga e poi in ufficio sino a sera. «Pausa pranzo veloce, poi l’uscita con gli amici, l’aperitivo, la vita mondana, perché Milano ti offre tantissimo. A casa, nel mio monolocale di 30 metri quadrati, solo per dormire. Tutti i giorni così, come un criceto che corre dentro la ruota. Ero felice? Ni, perché il mio fisico mi stava presentando lo scontrino, tra gastrite e problemi di mobilità. Poi è arrivato il Covid».

Pausa pandemia Il tempo si è fermato, il silenzio ha cancellato i rumori, la ruota si è fermata. «E io mi sono guardata dentro, ho dato ascolto a una voce che già sentivo». Il lockdown ha portato lo smart working «e a un certo punto eravamo tutti e sempre connessi, il bisogno di comunicazione è diventato eccessivo e io mi sono sentita prosciugata. Il tempo dello yoga, del mio benessere, è gradualmente aumentato». Ma quello è stato anche il tempo delle scoperte, per esempio del fatto che a casa si può stare davvero bene, e dei sapori veri. Come quello degli spinaci: «A 40 anni suonati li avevo visti solo a cubetti, surgelati nelle buste, di fronte a quelli del verduraio sono rimasta senza parole e mi sono sentita anche un po’ idiota....ho capito che in quella corsa continua stavo perdendo i sapori veri della vita». Appena possibile, Camilla ha fatto la valigia. «Sono andata in Sardegna, a Rena Majore, e ho continuato a lavorare in smart working. Dopo l’estate tutti ripartivano, io sono rimasta, non ero mai stata così bene. Bagno all’alba e al tramonto, passeggiate, meditazione, pause sempre più lunghe». La ripartenza a Milano viene rimandata, poi in autunno Camilla rientra, ma solo per una settimana al mese e poi è di nuovo in Sardegna, cordone ombelicale che non si taglia più. «A un certo punto è stato chiaro che la mia vita era qua. Il divorzio con l’ufficio è stato consensuale. Io e questo posto magico siamo diventati una cosa sola».

La vita è adesso Eccola la felicità, fatta di cose semplici, di suoni, di natura. Di tempo per se stessi, per lo studio e la lettura, e per la condivisione: «È nato il progetto Sea yoga revolution, faccio lezioni in spiaggia, in un punto particolare che mi è molto caro. D’estate gli allievi sono turisti, ci incontriamo la mattina alle 8, il momento migliore per godere della sua bellezza. D’inverno faccio lezione a un gruppo di persone del posto, altri seguono online. Sto bene, i dolori sono passati, mai avuta tanta energia. Facevo un lavoro prestigioso, i miei genitori erano orgogliosi di me. Quando ho deciso di vivere qui erano preoccupati, ora vedono quanto sono felice. Mio padre dice sempre: “ Chi volta le spalle a Milan, volta le spalle al pan”. Io penso che dipenda da che “pan” vuoi mangiare... e io ho scelto questo».

In Primo Piano
Criminalità

Nuoro, 45 chili di marjuana e 74mila euro in contanti: arresto della polizia in città

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative