La Nuova Sardegna

Uniss
Uniss – Giurisprudenza

La storia, docenti illustri Segni e Cossiga e tre presidenti della Consulta

La storia, docenti illustri Segni e Cossiga e tre presidenti della Consulta

Facoltà legata al Collegio gesuitico ma fondata con carta reale nel 1632 dal re di Spagna Filippo IV

24 aprile 2023
1 MINUTI DI LETTURA





La nascita della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Sassari è strettamente legata alla storia del Collegio gesuitico, fondato nel 1562 grazie al lascito testamentario del sassarese Alessio Fontana. La vera e propria nascita della Facoltà risale alla carta reale del 18 ottobre 1632, con la quale il re di Spagna Filippo IV concedeva allo Studio generale sassarese, previa convenzione tra la municipalità e la Compagnia, di conferire i gradi accademici in utroque iure , medicina, oltre naturalmente filosofia e arti e teologia. Con la legge Casati del 1859 l’Università di Sassari venne soppressa, ma “ripescata” grazie ad un intervento di Pasquale Stanislao Mancini che fece sì che il finanziamento per l’Ateneo turritano fosse a carico del Comune e della Provincia. Una svolta nella storia della Facoltà giuridica si verificò con il cosiddetto “pareggiamento” del 1902, grazie al quale l’ateneo venne equiparato alle università di primo livello. Fra i suoi docenti figurano due Presidenti della Repubblica, Antonio Segni e Francesco Cossiga, e tre presidenti della Corte costituzionale: Valerio Onida, Gustavo Zagrebelsky, Ugo De Siervo. (a cura di Gian Paolo Demuro, professore ordinario di Diritto penale)

In Primo Piano
Strutture ricettive

Lotta al sommerso nel turismo: sul mercato tante offerte sospette

di Claudio Zoccheddu
Le nostre iniziative