La Nuova Sardegna

Turismo

Sa Rutta Experience, la vacanza è un’avventura

Sa Rutta Experience, la vacanza è un’avventura

Trekking, quad, kayak, tende sospese tragli alberi. Una proposta innovativa nata a Villaputzu da un gruppo di quattro imprenditori

07 maggio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





L’idea di Sa Rutta Experience nasce nel gennaio 2020 da tre ragazzi di Villaputzu: Marco Dessì, Fabio Porcu e Ettore Loi. Si aggiunge successivamente anche Adriano Ribera, che commercializzava tende sospese per il mercato italiano da quasi 10 anni. Da questa sinergia di culture diverse prende vita il progetto Sa Rutta che ha l’obiettivo di avvicinare i turisti ai luoghi naturali in maniera consapevole, basando la propria attività sul concetto del “Leave No Trace”, non lasciare traccia del nostro passaggio sul territorio, fungendo in qualche modo anche da centro di educazione ambientale.
Un approccio turistico totalmente nuovo, fatto di piccoli gruppi di avventurieri, di rispetto per il patrimonio naturale, per la flora, per la fauna, per le tradizioni locali… un intervento “in punta di piedi”, delicato e totalmente reversibile sul territorio. Esattamente il contrario di ciò che offre il turismo di massa. 

Un territorio che dalle spiagge cristalline sale sulle montagne dalle quali nasce il Flumendosa, in linea con le caratteristiche dell’offerta di Sa Rutta, composta di paesaggi e cultura sorprendenti. Allo stato attuale Sa Rutta è l’unica struttura in tutta la Sardegna che propone una riconnessione così profonda con l’ambiente naturale: dormire sugli alberi è un’esperienza sensoriale completa;  i profumi del bosco, dei prati e dei fiori, il colore del muschio, il suono sommesso delle cascate, l’armonia del canto degli uccelli, il fruscio delle foglie mosse dal vento sotto un cielo stellato come non lo avete mai visto in città, immersi nella luce lunare, cullati e sospesi tra il cielo e la terra come su una nuvola. Non ultimo, Sa Rutta Experience propone soluzioni turistiche che si discostano dalla classica offerta sarda legata al mare e alla spiaggia.

A Sa Rutta è possibile trascorrere la propria esperienza nella magia del bosco dell’Eco-Camp, dormendo sugli alberi in tende sospese: da soli, con le proprie famiglie o con gli amici del cuore.
Oppure l’esclusivo “Belvedere” di Sa Rutta, fluttuando all’interno di una innovativa tenda sospesa installata su un tecnologico stand metallico, con un panorama davvero pazzesco e un servizio al cliente di altissimo livello.

Oppure una notte nella “Grotta dei Banditi” a Pranu Trebini, all’interno di una grotta naturale situata a Città di Roccia: una tenda sospesa, installata in sicurezza in questa esclusiva cavità naturale, permetterà ai turisti di scoprire le caratteristiche sculture naturali nella roccia che rendono unica la morfologia di questi luoghi, per un’esperienza davvero wild.

È inoltre possibile abbinare le notti tra gli alberi a una serie di attività in natura che vanno dal trekking alle escursioni in quad, dalla bici elettrica al kayak, spingendosi fino alle rive del mare cristallino della spiaggia di Murtas. Proprio durante il periodo estivo, dal 1 giugno al 30 settembre, sono disponibili i pacchetti esperienziali legati alle escursioni in kayak: a Sa Rutta vengono utilizzati speciali kayak americani, definiti “kayak origami,” pieghevoli, leggerissimi e ultratecnologici.
Illuminati internamente con luci a led a ricarica solare, si pagaia alle luci del tramonto sul fiume Flùmini Durci, che sfocia naturalmente nel mare in località Murtas.

Su prenotazione vengono organizzati corsi di bushcraft e tecniche di sopravvivenza, lezioni di yoga in natura, massaggi rilassanti in location dai panorami unici, pacchetti dedicati esclusivamente alle donne, trekking rosa o escursioni con la luna piena.

Web: www.saruttaexperience.com

Email: info@saruttaexperience.com

Instragram: https://www.instagram.com/sa_rutta_experience/

Facebook: https://www.facebook.com/saruttaexperience

IL TEAM DI SA RUTTA

https://www.saruttaexperience.com/chi-siamo/

In Primo Piano
Nel porto

Santa Teresa, nuovo stop per la Giraglia: raggiungere la Corsica è un’odissea

di Marco Bittau
Le nostre iniziative