La Nuova Sardegna

Innovazione

Nuovo incarico di prestigio per una startup sassarese, la realtà estesa di Xrit alle Olimpiadi invernali

di Giovanni Bua
Nuovo incarico di prestigio per una startup sassarese, la realtà estesa di Xrit alle Olimpiadi invernali

La sua tecnologia utilizzata per monitorare i cantieri dell’evento

14 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari La realtà estesa di Xrit va alle olimpiadi. La startup sassarese che ha messo in soffitta realtà virtuale e aumentata per declinare il suo nuovo paradigma di interazione con il mondo che ci circonda, metterà a disposizione il suo rivoluzionario sistema in realtà estesa con tracking dinamico di cantiere alla Società Infrastrutture Milano Cortina 2026, che ha in carico tutta la progettazione e realizzazione del piano complessivo delle opere connesse all’evento dei XXV Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali del 2026. Un incarico prestigioso che dà ben conto del valore del “prodotto” con il quale la dinamica azienda di via Carlo Felice sta scalando il mercato mondiale nel settore ingegneristico, core business di Xrit, ma anche nel gaming, nella cultura, nel turismo e di recente nella tutela dell’ambiente. A diventare olimpici saranno i visori Xrs: un sistema completo per l’impiego della realtà estesa nel processo della costruzione, che consente di visualizzare contenuti virtuali sia statici che dinamici, anche provenienti da sistemi Cad 3d e Bim, oltre che ad audio e video. Xrs traccia la posizione dell’utente con precisione centimetrica, in tempo reale, in qualsiasi luogo del mondo, anche per lunghi tragitti, anche con importanti dislivelli, anche senza collegamento internet e consente la sovrapposizione virtuale/reale, per questo motivo l’utente cammina in un contesto misto di contenuti virtuali/reali che può gestire attraverso i comandi messi a disposizione dal sistema. L’antimetaverso insomma, che l’azienda sassarese sta declinando in molteplici settori. Quello legato al mondo della cultura e del turismo, per citarne uno, con Xrit che è entrata in “RiGenerazione Scuola”, il piano del Ministero dell’Istruzione attuativo degli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu pensato per accompagnare le scuole nella transizione ecologica e culturale e nell'attuazione dei percorsi di educazione allo sviluppo sostenibile, grazie alle sue “gite virtuali educative in realtà estesa” già in corso nelle scuole superiori del nord dell’Isola grazie al progetto pilota messo in piedi insieme alla Provincia. Qui i protagonisti sono gli “X-Tours” che uniscono mondo reale e virtuale, fondendoli in unico spazio in cui è possibile interagire sia con l’intelligenza artificiale che con il mondo reale. Indossando un visore interamente progettato da Xrit per i ragazzi è possibile immergersi in un’esperienza di visita del tutto nuova, in cui l’utente sarà libero di muoversi nello spazio per esplorare luoghi e ambienti e scenari. Il tutto supportato dal sistema l’app Italia in digitale, attraverso la quale è possibile scoprire le storie, le tradizioni, le architetture e i tesori di numerose città, raccontate in prima persona dai personaggi storici. Gite virtuali a cui di recente si è aggiunto XGreen: la piattaforma di giochi educativi in realtà estesa sulle tematiche della sostenibilità ambientale. E poi il gaming con lo scenario post-apocalittico e ultradark di Xzombie, videogioco singolo e multiplayer (permette di interagire anche in modalità “avatar”, qualora i giocatori si trovassero in luoghi distanti e differenti) totalmente realizzato in realtà estesa. Tradotto per i profani: lo scenario interattivo si adatta allo spazio di movimento, per dare la caccia ai “morti viventi” come in una sfida di soft-air ma vivendo tutti dentro una Realtà estesa condivisa in real-time con i compagni di gioco, in ogni dettaglio fino all’ultimo pixel. Da un lato, il giocatore non perde mai la percezione del mondo reale che lo circonda, muovendosi in un mix tra reale e virtuale. Dall’altro, gli stessi personaggi virtuali interagiscono con l’ambiente, aggirando ostacoli reali o virtuali e mantenendo una visualizzazione corretta nello spazio. Una vera bomba a detta dei tantissimi che lo hanno provato nelle diverse fiere di settore in giro per il mondo. Come una “bomba” è l’azienda gioiello sassarese, sempre più protagonista nel pionieristico settore, che ora potrà aggiungere al suo già ricco palmares anche una medaglia olimpica.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative