La Nuova Sardegna

Verso le elezioni

L’80% degli uscenti punta al bis, in pista anche un esercito di ex

di Alessandro Pirina
L’80% degli uscenti punta al bis, in pista anche un esercito di ex

Otto assessori candidati, si fermano Solinas e gli altri 4: Doria, Pili, Farris e Porcu. Rispetto a cinque anni fa tanti cambi di casacca, anche da una coalizione all’altra

24 gennaio 2024
6 MINUTI DI LETTURA





La corsa verso Cagliari è ufficialmente iniziata. In realtà, molti aspiranti consiglieri sono in campagna elettorale già da mesi, parecchi già dall’estate scorsa avevano iniziato a mandare messaggi e mail a conoscenti e sconosciuti, ma ora con la presentazione delle liste il campionato delle elezioni è entrato pienamente nel vivo. Ai nastri di partenza cinque candidati governatori: Alessandra Todde per il Campo largo, Renato Soru per la Coalizione sarda, Paolo Truzzu per il centrodestra, fuori dalle coalizioni Lucia Chessa per Sardigna R-esiste Rossomori e Maria Rosaria Randaccio per Forza al popolo, ma ancora in bilico.

Giunta Solinas Dell’esecutivo uscente sono in lizza otto componenti su 13. In campo con la Lega Pierluigi Saiu, Valeria Satta e Andrea Biancareddu (strappato all’Udc), con Forza Italia Ada Lai, con il Psd’Az Antonio Moro e Gianni Chessa, con i Riformatori Aldo Salaris e Giuseppe Fasolino (in arrivo da Fi). Chi invece salterà questo giro è ovviamente Christian Solinas, che ha accettato molto a malincuore il sacrificio a favore di Truzzu. E poi niente candidatura neanche per Carlo Doria (Psd’Az, non è escluso un dirottamento verso la corsa per il Comune di Sassari) e Andreina Farris (tecnica di area sardista). Ferma anche Anita Pili, che appoggerà Truzzu, anche se il partito in cui è approdata pochi mesi fa, Italia Viva, è orientato su Soru, ma per lei è data per certa una candidatura alle Europee con Iv. Niente nomination neanche per Marco Porcu, che fino all’ultimo veniva dato in lista con Fdi. In pista anche tre ex assessori della giunta Solinas: Quirico Sanna, in corsa con il Psd’Az, mentre Mario Nieddu e Giorgio Todde, ai tempi della giunta esponenti della Lega, saranno in campo il primo con l’Udc e l’altro con Fdi.

Consiglieri A tentare la lotteria sarà l’80 per cento degli uscenti: 48 su 60. Compreso Christian Solians, in dodici hanno deciso di saltare questo giro. Nel Pd niente candidatura per Gianfranco Ganau (in pole per un ritorno a Palazzo Ducale a Sassari), Cesare Moriconi e Rossella Pinna. Tra i Progressisti si è chiamato fuori Massimo Zedda, anche lui con la voglia di ritornare a fare il sindaco (di Cagliari). Tra i sardisti, oltre Solinas, niente bis per Fabio Usai ed Elena Fancello (cinque anni fa eletta con i 5 stelle). Hanno scelto di fermarsi anche Michele Cossa, leader dei Riformatori, e Alessandra Zedda, che fino a qualche giorno fa era intenzionata a candidarsi a governatrice. A sorpresa fuori dalle liste anche Giovanni Antonio Satta, che dai Riformatori era passato all’Udc, Ignazio Manca, in rotta di collisione con la Lega, e Nico Mundula di Fdi. Gli altri 48 sono tutti in pista. La maggior parte con Truzzu, anche se molti di loro hanno cambiato casacca rispetto a 5 anni fa. Con Fdi sono candidati tra gli altri l’ex forzista Emanuele Cera, l’ex Riformatori e Lega Sara Canu, l’ex Idea Sardegna Roberto Caredda, poi Gianni Tatti e Fausto Piga. Con la Lega, Michele Pais, l’ex Udc Biancareddu, Saiu, Michele Ennas, Andrea Piras. Con Sardegna al centro Antonello Peru e Dino Cocco, con i Riformatori, oltre a Salaris e Fasolino, l’ex Lega Annalisa Mele, con Forza Italia Angelo Cocciu e Giuseppe Talanas, con il Psd’Az (Piero Maieli, l’ex Sardegna20 Venti Domenico Gallus, l’ex Riformatori Alfonso Marras, Chessa, Nanni Lancioni). Con l’ Udc Alice Aroni, con la Dc di Rotondi Valerio De Giorgi, con Alleanza Sardegna Pli l’ex Sardegna20Venti Pietro Moro, l’ex Udc Gian Filippo Sechi, gli ex Psd’Az Giovanni Satta, Franco Mula e Stefano Schirru. Nel Campo largo di Todde sono in pista: M5s (Desirè Manca, Roberto Li Gioi, Alessandro Solinas e Michele Ciusa), Pd (Giuseppe Meloni, Roberto Deriu, Salvatore Corrias, Piero Comandini, Valter Piscedda), Alleanza Verdi e Sinistra (Daniele Cocco, Antonio Piu, Diego Loi, Eugenio Lai, Maria Laura Orrù), Progressisti (Gian Franco Satta, Francesco Agus), Fortza Paris (l’ex Movimento Cinque stelle Carla Cuccu), Uniti per Todde (Laura Caddeo). L’unico consigliere pro Soru è Franco Stara, ex Progressisti e Italia viva, oggi con Azione, Più Europa e Upc.

Il ritorno degli ex Tanti anche gli ex consiglieri di passate legislature o ex parlamentari che provano a ritornare in Consiglio. Due di questi sono anche candidati governatori, Paolo Truzzu, che lo fu per pochi mesi anche nella passata legislatura prima di essere eletto sindaco di Cagliari, e Renato Soru, ex governatore, ma anche consigliere di opposizione. Nel Campo largo l’esercito di ex comprende Antonio Solinas e Anna Maria Busia, ex Centro democratico, entrambi candidati col Pd, come anche l’ex deputato Andrea Frailis. Nel Psi sono in pista Roberto Desini, ex Centro democratico, cinque anni fa candidato con Sardegna20Venti a sostegno di Solinas, Raimondo Ibba e l’ex dem Lorenzo Cozzolino. Con Sinistra futura c’è l’ex Sel Luca Pizzuto, con i Progressisti l’ex senatore Luciano Uras, con Fortza Paris l’ex deputato dei 5 stelle Luciano Cadeddu, con Orizzonte comune l’ex Sardegna civica Franco Cuccureddu, cinque anni fa anche lui pro Solinas. Nella Coalizione di Soru con Progetto Sardegna sono in campo l’ex deputata dem Romina Mura e l’ex consigliere regionale di Progetto comunista Fabrizio Anedda, Vota Sardigna schiera il leader di Irs Gavino Sale, anche lui ex consigliere all’epoca Pigliaru. Anche nel centrodestra la carica degli ex è ben nutrita. Con Fratelli d’Italia scendono in campo l’ex Udc Gigi Rubiu e l’ex Forza Italia Ignazio Locci, sindaco di Sant’Antioco. Con la Lega c’è addirittura un deputato in carica, il gallurese Dario Giagoni. Con Sardegna al centro l’ex consigliere regionale di Rifondazione comunista Alessandro Unali, nonché Stefano Tunis, che ha lasciato il Consiglio pochi mesi fa. Con i Riformatori in pista Giovanni Pileri, una quindicina di anni consigliere con Fi, mentre Forza Italia schiera gli ex consiglieri Marco Tedde, ex sindaco di Alghero, ed Edoardo Tocco, presidente del Consiglio comunale di Cagliari. Prova a tornare a Cagliari con l’Udc anche Marcello Orrù.

Amministratori Tanti i sindaci che proveranno a staccare il biglietto per Cagliari. Sono in pista il sindaco di Nuoro Andrea Soddu con Progetto Sardegna, quello di Alghero Mario Conoci, ex Psd’Az, con Fdi, e la sindaca di Sestu Maria Paola Secci con i Riformatori. E ancora il presidente dell’Anci Emiliano Deiana col Pd. C’è poi il caso del presidente del Consiglio comunale di Sassari, Maurilio Murru, ex 5 stelle, sostenitore di Todde fino a quando la candidata del Campo largo non ha posto l’ultimatum sull’uscita del Movimento dalla giunta Campus. Qualche settimana dopo Murru non solo è rimasto col suo gruppo, ormai fuori dai 5 stelle, a sostegno del sindaco di Sassari, ma sarà in pista con Psd’Az dalla parte di Truzzu.

Elezioni regionali 2024

Video

Verso il voto, Elly Schlein a Cagliari al mercato di San Benedetto: "Sanno di aver fatto un disastro e infatti hanno cambiato il candidato"

Le nostre iniziative