La Nuova Sardegna

Tariffe laboratori

Carlo Doria: «Già richiesta una proroga al Ministero. Le regioni sono all’opera»

di Luigi Soriga
Carlo Doria: «Già richiesta una proroga al Ministero. Le regioni sono all’opera»

Necessario più tempo per proporre rimborsi sostenibili

09 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Per la Regione la questione della sanità in convenzione è cruciale, perché su quel banco si gioca la battaglia delle liste di attesa. L’assistenza pubblica, già in affanno, non potrebbe fare a meno delle prestazioni erogate dalle strutture private. Basti pensare ai pazienti in stand-by per una tac o per una risonanza da effettuare per un controllo non urgente, o per una colonscopia: gli appuntamenti talvolta superano l’anno.

L’assessore Carlo Doria, da due giorni a Roma in prima battuta per la commissione Salute, e poi per la conferenza delle regioni, la conferenza unificata e la conferenza Stato-Regioni, si è già mosso per disinnescare questa bomba a orologeria. Il primo aprile è vicino, e a quella data molti laboratori di analisi convenzionati potrebbero gettare la spugna per i costi insostenibili.

«Abbiamo affrontato con tutti gli altri assessori regionali alla salute l’argomento – spiega Carlo Doria – abbiamo chiesto al Ministero della salute un’ulteriore proroga oltre il primo aprile 2024 in modo da concedere il tempo a tutte le regioni di proporre delle tariffe che siano remunerative per le prestazioni».

Dopodiché c’è tutto il lavoro da fare in Regione, in accordo con i titolari degli ambulatori e delle cliniche convenzionate. «Noi abbiamo già costituito un tavolo di confronto paritetico pubblico- privato che ha iniziato a discutere del problema e che si rincontrerà in assessorato lunedì prossimo alle 10».

E conclude: «È importante recepire il nomenclatore nazionale per agganciarsi alle codifiche delle prestazioni. Tutto questo è indispensabile per le ricette elettroniche. Le tariffe stesse sono un argomento da trattare in ambito regionale cercando un’omogeneità a livello nazionale. Per capirsi: non si può pagare una radiografia del torace 19 euro a Milano e per lo stesso esame 28 euro a Catania. Occorre un confronto più esteso che porti a una regolamentazione armonica delle tariffe».


 

Incidente stradale

Sassari, pedone investito da un autocarro in via Bogino

Le nostre iniziative