La Nuova Sardegna

Focus

Commercio col segno meno in Sardegna, due chiusure al giorno: i più colpiti gli alimentari

di Silvia Sanna
Commercio col segno meno in Sardegna, due chiusure al giorno: i più colpiti gli alimentari

Calo di vendite e fatturati, i piccoli gettano la spugna. Il Sassarese la zona con i dati peggiori. Giù gli acquisti anche di tabacchi e bevande alcoliche

15 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Più 2 per cento, meno 2 per cento: le imprese in Sardegna crescono, quelle del commercio invece vanno giù. E nel segmento dell’alimentare la grande e grandissima distribuzione piglia tutto, mentre la media e la piccola annaspano. Il dato parla da solo: 2 chiusure al giorno, che nel mondo variegato del commercio riguardano prevalentemente il supermercato tra i 300 e i 600 metri di superficie, il market di quartiere e la bottega. Più sei piccolo minori possibilità hai di sopravvivere, soprattutto se non sei affiliato a un grande marchio o sei fai l’azzardo di combattere il gigante sullo stesso terreno: offerta simile, prezzi inevitabilmente diversi, inflazione galoppante alla quale è impossibile resistere.

I numeri del commercio Sono 36mila in totale, circa il 25% appartiene al comparto alimentare. Gli addetti del commercio sono tanti quanti un comune di dimensioni medio grandi: 28mila. Il 2023 non è stato un anno brillante. Al contrario, il generale e timido balzo in avanti dell’economia, ha visto il commercio fare un passo indietro, con calo dei fatturati e delle vendite, riduzione delle imprese e conseguente taglio degli addetti. La percentuale regionale del -2% è così distribuita: -2,9 in provincia di Sassari, -2,2 nel Cagliaritano, -0,5% nel Nuorese e nell’Oristanese.

L’inflazione Il rincaro dei prezzi ha colpito in modo particolare il settore degli alimentari e l’inflazione al 6,4% si è tradotta in maniera praticamente immediata in un calo delle vendite del 3,5%. Gli altri segmenti, come le bevande alcoliche e i tabacchi, sono stati segnati da una inflazione tra il 2,5 e il 2,6 e le vendite sono diminuite dal 2,3 al 3% su base annua. All’interno del settore alimentare, ha mostrato segni di vitalità il comparto discount, grazie alla politica dei prezzi più bassi. Il carrello della spesa è cambiato, meno carne e meno pesce, più maiale e meno vitello o filetto.

Le chiusure Sopravvivere, dopo la tempesta Covid, seguita dai rincari dell’energia, del carburante e delle materie prime, con i prezzi schizzati allo scoppio della guerra, è stato veramente un’impresa da giganti. E chi gigante non lo è mai stato, si è dovuto arrendere. Con un effetto a lungo termine: le chiusure continuano, a ritmo più o meno incessante. Chi “balla” da solo, senza un grande marchio a fare da paracadute, difficilmente sopraggiunge nella giungla della concorrenza. Ce la fa chi abbatte i prezzi, accontentandosi di un guadagno minimo, oppure ritagliandosi un posto nel mercato di nicchia, proponendo ciò che dagli altri non si trova.

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative