La Nuova Sardegna

La lettera

Angelo Becciu scrive ai cardinali: «La storia mi darà ragione»

Angelo Becciu scrive ai cardinali: «La storia mi darà ragione»

Nel messaggio inviato al decano del collegio cardinalizio: «È la prima volta che non partecipo alla messa del giovedì santo in 52 anni»

05 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





«Nell'incontro avuto qualche giorno fa con il Santo Padre, nel congedarmi mi ha chiesto se avevo intenzione di essere presente alla Messa. Gli ho risposto che non avevo il coraggio di parteciparvi. È con sofferenza che così farò perché non vorrei oscurare lo splendore delle vostre porpore con la mia, macchiata da una pesante quanto ingiusta condanna. Caro Confratello - scrive il cardinale Angelo Becciu in una lettera inviata, oltre al decano, a tutti i membri del Collegio cardinalizio – ti scrivo alla vigilia del Giovedì Santo per parteciparTi una decisione che mi costa tanto ma che sento in coscienza di dovere assumere: non verrò in Basilica per la messa Crismale e festeggiare insieme, come sempre è stato, il nostro giorno sacerdotale! È la prima volta che ciò mi capita nei miei quasi 52 anni di sacerdozio, ma le condizioni esterne che si sono create mi inducono a questa sofferta decisione».

«Dopo il Giovedì Santo arriva il Venerdì Santo – prosegue la lettera – ed è alla luce di quel giorno che leggo la mia vicenda. Mi sento quasi un privilegiato nel ritrovarmi unito al Signore, il quale anche Lui sperimentò l'umiliazione dell'irrisione, del fallimento, della condanna senza vere motivazioni, l'annientamento totale della sua dignità di persona. Guardando a Lui e con la consapevolezza della mia coscienza pulita ho la forza di gridare che sono innocente, non sono un corrotto. Finché avrò un alito di vita lo griderò a tutto il mondo, in tutte le sedi e con tutti i mezzi. Sono stato condannato per peculato e truffa, ma non è stata prodotta alcuna prova. Nei quasi quarant'anni in cui ho servito la Santa Sede - non solo da Sostituto - mai mi sono appropriato di un centesimo – va avanti la lettera di Becciu -. Devo riconoscere che il Processo a cui sono stato sottoposto è stata una esperienza tremenda».

«Se poi aggiungo il peso della insistente gogna mediatica di dimensioni planetarie alla quale sono stato esposto con la mia famiglia ed ultimamente anche con il Vescovo della mia diocesi, la sofferenza è stata indicibile. Lo confesso, avrei desiderato la consolazione da parte di qualcuno dei Confratelli che a voce alta dicesse una semplice parola: basta! Purtroppo essa non c'è stata – afferma il cardinale -. Ho sempre però confidato sulla vostra preghiera silenziosa! Come ho detto al Papa nel recente incontro, la vicenda processuale ha rischiato di destabilizzarmi umanamente e moralmente. Apprendere nel Tribunale che taluni avevano tramato contro di me mi ha ferito profondamente! Sono stato investito in maniera cruda e violenta da accuse senza fondamento, malvage e intrise di odio, di pregiudizio, si sono riversati contro di me accusatori senza scrupoli che hanno giurato il falso sul Vangelo. L'accusa che più mi ha ferito è stata quella di aver disonorato la Santa Sede. No, non accetto un'accusa così falsa e ingiusta! Io ho dato la mia vita per la Santa Sede e ovunque sono stato ho ricevuto generosi riconoscimenti per il mio servizio disinteressato. Non so come questa vicenda processuale si concluderà, ma sono sicuro che la verità prima o poi trionferà, può darsi anche dopo la mia morte, ma irromperà con tutta la sua forza – conclude la lettera -. La Storia mi darà ragione: essa è dalla parte degli innocenti!».

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative