La Nuova Sardegna

Arcipelago Sardegna
Teatro

I Barbariciridicoli di Ottana protagonisti a Milano con la storia della nuova vita di Carla

di Federico Sedda

	Carla (Enzo Giagoni) in una foto di qualche anno fa
Carla (Enzo Giagoni) in una foto di qualche anno fa

La compagnia diretta da Tino Belloni in scena ospite del Centro sociale culturale sardo presieduto da Giovanni Cervo

05 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Milano La compagnia teatrale I Barbariciridicoli di Ottana, diretta dal regista Tino Belloni, varca ancora una volta il Tirreno per rappresentare domenica 7 aprile 2024, a Milano, nella sede del Circolo dei sardi, in via Santorre di Santarosa n. 10, con inizio alle 17, il collaudato spettacolo “Carla o dell’essere se stessei”. L’ingresso è libero e gratuito.

«Lo stessei del titolo – precisa Tino Belloni – non è un refuso, ma una soluzione particolare per la creazione di un neutro che, nel linguaggio verbale, includa sia il femminile che il maschile. Si tratta della prima rappresentazione in Italia a essere recitata con il plurale inclusivo. Lo spettacolo – spiega, infatti, Belloni – è un racconto autobiografico molto toccante che pone il pubblico davanti a un intenso e drammatico percorso umano, fatto di una lenta acquisizione del proprio essere in un viaggio lungo tutta la vita di Enzo Giagoni, ex poliziotto, due volte padre, marito, compagno di diverse donne e che ora è invece e finalmente Carla, donna consapevole, emancipata dalle catene della società che classifica, categorizza e discrimina».

La manifestazione è patrocinata dalla Fasi (Federazione delle associazioni sarde in Italia), dalla Regione Sardegna, da Eurotarget Viaggi e da Sarda Tellus.

«Era da tempo – fa sapere il presidente del Cscs, il Centro sociale culturale sardo di Milano, Giovanni Cervo – che volevo portare da noi questo spettacolo che io personalmente ho già visto a Parabiago e che ho molto apprezzato per l’intensità dell’interpretazione e per la professionalità della compagnia che ha affrontato in modo delicato e intimo un tema importante dal punto di vista sociale e per il quale ci sono ancora molti pregiudizi e catene da abbattere. Siamo orgogliosi – ha concluso Cervo – che sia questo spettacolo a inaugurare la nostra sede rinnovata».

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative