La Nuova Sardegna

Giunta Todde

Desirè Manca: «Realizzeremo con coraggio le tante idee per il Lavoro»

Desirè Manca:&nbsp;<usng-titolo>«Realizzeremo con coraggio le tante idee per il Lavoro»</usng-titolo>

Pronta per la nuova sfida

09 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari È stata vicepresidente della commissione Lavoro nella precedente legislatura, ma l’offerta di guidare l’assessorato al Lavoro è stata una piacevole sorpresa: «Sinceramente non mi aspettavo questa proposta – dice Desirè Manca, sassarese, consigliera regionale del Movimento cinque stelle più votata in assoluto e fresca di nomina in giunta – però sono molto contenta e non vedo l’ora di cominciare».

«Non so per quale motivo, ma questo assessorato è sempre stato sottostimato, come si trattasse di un comparto di serie B. Per me invece è l’esatto contrario, perché in Sardegna se c’è una criticità da affrontare, quella è l’emergenza occupazionale. Parliamo di un problema urgentissimo, alla stregua della Sanità. Perciò sentire parlare prestissimo di novità».

Non sembra affatto preoccupata.

«È un incarico che non mi spaventa affatto. Anzi, devo dire che ho tante idee e so bene che servirà del coraggio per metterle in pratica».

Da dove partirà?

«Uno dei versanti sul quale ci sarà tanto da insistere è sicuramente quello della formazione. In Sardegna purtroppo siamo ancorati a dei modelli lavorativi obsoleti, il riferimento sono gli anni Novanta. Invece bisogna mettersi al passo con le nuove professionalità, e l’unico modo per farlo è investire sulla formazione e aggiornarla».

Lei ha fatto la gavetta in commissione.

«L’esperienza all’interno della Commissione Lavoro mi ha dato delle buone basi dalle quali partire, ma devo ammettere che ho sofferto molto per la poca operatività della commissione stessa. Si sarebbe operare decisamente meglio, fare molte più cose. Invece da parte dell’assessorato precedente è mancato l’impulso. Questo, con la mia gestione, non avverrà, perché ci sarà una forte sinergia tra Commissione e Giunta».

Però il suo vecchio amore resta comunque la Sanità. C’è rimasta un po’ male che non le abbiano offerto questo assessorato?

«Come ho già detto, ritengo il Lavoro un settore essenziale e di assoluto primo piano. Perciò non posso ritenermi affatto delusa, tutt’altro. Sarà un’esperienza molto stimolante, una bellissima sfida. Quanto alla Sanità, questo è vero, è l’ambito sul quale ho investito la maggior parte delle mie energie. E non ho intenzione di abbandonarlo. Sarò sempre a disposizione dei cittadini che non trovano adeguate risposte per le loro cure». (lu.so.)

In Primo Piano
Il dossier

Top 1000, un’isola che si batte e cresce nonostante tutto

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative