La Nuova Sardegna

Estate 2024

Ecco le spiagge sarde a numero chiuso: new entry Rena Bianca a Santa Teresa e Le Piscine di Arzachena

di Serena Lullia

	Cala Coticcio, Rena Bianca e Cala Luna 
Cala Coticcio, Rena Bianca e Cala Luna 

Tutte le info utili per accedere ai paradisi naturalistici dal nord al sud dell’isola in cui si deve prenotare e pagare un contributo ambientale

12 aprile 2024
6 MINUTI DI LETTURA





Sassari Paradisi fragili, da proteggere e preservare per il futuro. Sono in aumento i comuni che scelgono di mettere un freno all’assalto incontrollato delle spiagge e chiedere ai bagnanti un contributo ambientale da reinvestire in cure di bellezza per i litorali.  Per la stagione 2024 ecco una panoramica delle perle sarde in cui si paga un mini ticket e il numero è calmierato. Tra le new entry Rena Bianca a Santa Teresa Gallura e Le Piscine di Cannigione, nel comune di Arzachena.

La Rena Bianca - Santa Teresa Gallura. Il comune gallurese di Santa Teresa Gallura dall’estate 2024 sperimenta il numero comodo e il contributo ambientale sulla sua spiaggia gioiello, la Rena Bianca, proprio dentro il paese. 1015 in totale i bagnanti ammessi a calpestare la striscia di sabbia argentata che guarda la Corsica. La novità sarà in vigore dal primo giugno al 30 settembre. Previsto un contributo giornaliero non frazionabile di 3,50 euro. Esenti i residenti nei limiti dei posti disponibili, i soggetti con disabilità, tutti i bambini tra 5 e 12 anni, gli ottantenni e ultraottantenni. La prenotazione avverrà telematicamente secondo modalità che verranno a breve illustrate dal Comune oppure all’info point della spiaggia, in uno dei tre accessi controllati dagli steward dalla società municipalizzata Silene. Garantito il controllo notturno del litorale con sistema di videosorveglianza con registrazione.

Piscine di Cannigione – Arzachena/Costa Smeralda. L’amministrazione gallurese del sindaco Roberto Ragnedda ha deciso di sperimentare gli accessi ridotti alle spiagge. Si parte da quest’estate con Le Piscine di Cannigione. Ancora da definire i dettagli. Si sa solo che il provvedimento scatterà dal 15 luglio al 31 agosto, gli ingressi saranno prenotabili con un’app per l’intera giornata, o mezza giornata da 72 ore prima dell’ingresso. Una quota dei posti sarà destinata ai residenti, che accederanno gratuitamente all’arenile così come i bambini sotto i 12 anni.

La Pelosa, Stintino Nella perla del Nord Ovest della Sardegna il periodo a numero chiuso parte il 1° giugno e termina il 31 ottobre. Ci sono due tipi di prenotazione. Senza limiti di tempo: possono essere prenotati 750 posti, sui 1500 disponibili giornalmente, con il pagamento di una tariffa giornaliera di euro 3,50 a persona. Ogni prenotazione può comprendere al massimo 4 persone. I bambini sotto i 12 anni non devono essere inseriti nella prenotazione. E’ consentita la prenotazione per più giorni consecutivi. Prenotazione entro le 48 ore: 750 posti, sui 1500 disponibili giornalmente, possono essere prenotati non prima di 48 ore rispetto dal giorno di utilizzo. La prenotazione prevede il pagamento di una tariffa di euro 3,50 a persona. Anche in questo caso ogni prenotazione può comprendere al massimo 4 persone e un utente può inserire al massimo una prenotazione al giorno. I bambini sotto i 12 anni non devono essere inseriti nella prenotazione. https://spiaggialapelosa.it/

Cala Goloritzè –  Baunei. Così bella da levare il fiato e non solo perché raggiungerla a piedi necessita di un trekking di un’ora e mezzo di media intensità. Sul piccolo lenzuolo di sabbia cucito su un azzurro che stordisce, possono stare contemporaneamente 250 persone. Il costo di accesso al sentiero è di 7 euro. Gratis i bambini sotto i sei anni così come per i residenti. Si può prenotare a partire da tre giorni prima utilizzando il sito Heart of Sardinia o l’app o comprare il ticket all’ingresso del sentiero.  In questo periodo è probabile trovare posto anche se non si prenota.

Cala Mariolu, Cala Biriola, Cala dei Gabbiani, Baunei. Le altre spiagge che hanno un numero controllato a partire da giugno sono Cala Mariolu (700 persone al giorno), Cala Biriala, Cala dei Gabbiani. Se si arriva con i barconi si può sostare per circa un'ora e mezza in ogni spiaggia in modo da consentire una permanenza migliore a tutti i visitatori. 70 i minuti di sosta consnetita per chi raggiunge la cala con gommoni a noleggio con conducente o mezzi privati. È dovuto il pagamento di 1 euro. Tutte le informazioni si trovano sul sito www.turismobaunei.it 

Cala Luna – Dorgali/Baunei. Anche l’accesso alla splendida Cala Luna dovrebbe essere contingentato già da questa estate. I comuni di Dorgali e Baunei lavorano in sinergia dallo scorso anno per stabilire un numero di ingressi coerente con l’elevato livello naturalistico della spiaggia. Si attendono le novità già nel mese di maggio. 

Punta Molentis e Porto Sa Ruxi – Villasimius. Per poter godere della bellezza della perla del sud Sardegna vale la pena prenotare e mettersi in fila. La gestione degli accessi è stata affidata alla Villasimius srl. I posti prenotabili sul portale www.villasimiussrl.it sono solo 150. Per i restanti viene rispettato esclusivamente l’ordine d’arrivo fino al raggiungimento del limite di 600 persone o 200 posti auto. È richiesto un euro a persona più il costo del parcheggio. A Porto Sa Ruxi è ammesso un massimo di 450 persone. Non si paga l’ingresso ma solo il parcheggio dell’auto.

Tuerredda – Teulada. Nel paradiso di Tuerredda sono ammesse massimo 1.100 persone (729 nella spiaggia libera e 371 negli stabilimenti balneari) dall’11 giugno al 30 settembre. L’ingresso è gratuito.

Cala Brandinchi e Lu Impostu – San Teodoro. La coraggiosa scelta della sindaca Rita Deretta di due anni fa è stata ripagata dai numeri. Per poter godere della bellezza di Cala Brandichi e di Lu Impostu i turisti si mettono in fila, digitalmente parlando, anche giorni. Il numero comodo scatta il 15 giugno fino al 30 settembre. Il tariffario e le modalità di accesso con i numeri aggiornati, saranno pubblicati mel mese di maggio. A disposizione la piattaforma www.santeodorospiagge.it su cui scegliere tra le due perle della costa teodorina e pagare il mini contributo con carta di credito, Google pay o Apple pay. La scorsa stagione a Cala Brandinchi era consentito l’accesso a 1447 persone al giorno, 3352 a Lu Impostu, cifre che comprendono anche i posti assegnati alle concessioni balneari. Sempre nella stagione 2023 era consentito l’accesso gratuito ai residenti, bambini sotto i 12 anni e persone con disabilità. 1 euro per soggetti Tari nel comune di San Teodoro, ospiti di strutture alberghiere e concessioni balneari. 2 euro per tutti gli altri

Oasi Biderosa – Orosei. L’accesso alle spiagge come all’intera oasi naturalistica è a pagamento e con numero contingentato dal mese di maggio. Si può fare il biglietto all’ingresso, ma a luglio e agosto è molto difficile trovare posti liberi. Meglio la prenotazione digitale. Sono disponibili 100 posti per le auto, 30 per le moto, 100 per le bici. Le tariffe per i non residenti sono 12 euro per la macchina (6 euro per i residenti), 6 euro per le moto (3 residenti). A cui vanno aggiunti 1 euro a persona e una quota fissa di 2 euro. Tutte le info sul sito https://www.oasibiderosa.it/.

Cala Coticcio/Cala Brigantina – Parco nazionale arcipelago di La Maddalena. Calette pregiate, fragili e piccole, tali da aver reso necessario un contingentamento dei numeri fino a un massimo di 60 persone al giorno. Per raggiungere Cala Coticcio e Cala Brigantina si deve necessariamente essere accompagnati dalle guide del Parco nazionale dell’arcipelago. Bisogna pagare un contributo di 3 euro a persona all’ente, sulla piattaforma PagoPa con causale Escursione Cala Coticcio o Cala Brigantina più quanto pattuito con le guide. Questa la procedura, un pochino farraginosa da seguire. Andare sul sito www.lamaddalenapark.it, nel menù a sinistra selezionare “Cosa fare per Coticcio/Brigantina -Escursioni Info utente”, scaricare l’elenco delle guide e contattarle via whatsapp. Sono previsti quattro turni di accesso: 8-13, 9-14, 13,30-18,30 e 14-19.

In Primo Piano
Il focus

Top 1000: aziende più forti, il personale la vera ricchezza

di Serena Lullia
Le nostre iniziative