La Nuova Sardegna

La tragedia

A Sassari in migliaia in fila per Stefano, oggi i funerali del fantino

di Andrea Sini
A Sassari in migliaia in fila per Stefano, oggi i funerali del fantino

Ieri camera ardente all’ippodromo, l’ultimo saluto a San Giuseppe

19 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Stefano tornerà a casa soltanto oggi, ma ad attenderlo sono già in migliaia: una folla immensa ieri si è presentata alla camera ardente organizzata all’ippodromo di Sassari dalla famiglia dello sfortunato fantino, morto a 23 anni a Canberra per le lesioni riportate in una caduta.

Il feretro di Stefano Cherchi arriverà in Sardegna questa mattina via mare, proveniente da Genova dopo un lungo e snervante giro per gli aeroporti di Australia, Medioriente e Italia. Giusto in tempo per i funerali, in programma alle 11,45 nella chiesa di San Giuseppe. Poi la giovanissima stella del galoppo internazionale, cresciuta a Sassari e sbocciata in Inghilterra, andrà a riposare per sempre nel cimitero di Mores, il paese dei genitori.

Ieri, come detto, all’ippodromo “Pinna” è stata aperta la camera ardente che la famiglia aveva organizzato in previsione del ritorno in Sardegna del feretro. Invece una serie di contrattempi, tra i quali le piogge torrenziali cadute a Dubai, scalo intermedio per chi arriva dall’Australia, hanno posticipato di un giorno il rientro a casa del fantino.

La famiglia Cherchi-Calvia ieri comunque è riuscita a presentarsi al completo per ricevere il caloroso abbraccio di parenti, amici e conoscenti. Un fiume ininterrotto di persone, provenienti non solo da Sassari e Mores ma da tutta la Sardegna, ha atteso con pazienza il proprio turno per poter salutare i genitori Bastiano e Maria Antonietta e la sorella Eleonora, appena rientrati dall’Australia, e gli altri due figli, Maddalena e Matteo.

Centinaia, forse migliaia di persone di ogni età, hanno mostrato la propria vicinanza a una famiglia ferita e scossa, ma che dopo un mese difficilissimo non si è sottratta all’abbraccio sincero di tanta gente.

All’interno della saletta allestita sotto la tribuna, in mezzo alle corone di fiori, due schermi hanno proiettato a ciclo continuo immagini del jockey isolano. Grandissima la commozione di fronte al volto di Stefano bambino, già grande appassionato di cavalli, in vacanza con la famiglia, durante le gare o con la fidanzata Brittany, figlia del grande fantino irlandese Kieren Fallon.

L’incidente fatale è avvenuto il 20 marzo all’Ippodromo di Thoroughbred Park. Stefano Cherchi ha smesso di vivere dopo 13 giorni di coma nell’ospedale di Canberra.
 

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative