La Nuova Sardegna

Estate

Il lusso sulla sabbia: 3 stabilimenti sardi tra i 14 della Guida dei migliori Beach Club d'Italia

di Andrea Sini
Il lusso sulla sabbia: 3 stabilimenti sardi tra i 14 della Guida dei migliori Beach Club d'Italia

Contesti mozzafiato e servizi di spiaggia di alto livello

14 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Vanno bene il mare cristallino e la “location”, ma ci sono altri sensi da soddisfare: per esempio il gusto. E anche la percezione dell’ambiente che si crea tra tavoli, ombrelloni e sabbia deve essere adeguata alle attese dei clienti più esigenti.

Sono gli stabilimenti balneari d’élite, che per la prima volta sono stati censiti, recensiti e raccolti in un volume fresco di stampa. È la prima Guida ai migliori Beach Club d’Italia, pubblicata da Morellini editore e scritta a quattro mani da Andrea Guolo e Tiziana Di Masi.

Sardegna al top Sono 225 gli stabilimenti balneari presenti sulle coste italiane che sono riusciti a trovare posto all’interno della guida. Soltanto 14 di questi hanno ottenuto il massimo riconoscimento da parte dei curatori, con l’attribuzione di 3 Ombrelloni Gold.

Tre di queste strutture si trovano in Sardegna e sono il Phi Beach di Forte Cappellini, a Baja Sardinia, il Nikki Beach di Petra Ruja, a qualche chilometro da Porto Cervo, e Il Gabbiano, che si trova a poche centinaia di metri dalla spiaggia della Pelosa a Stintino.

Si tratta di tre stabilimenti rinomati, collocati in zone di grandissimo pregio dal punto di vista del paesaggio (graniti e tramonti mozzafiato al Phi Beach, incastonato accanto a un forte napoleonico; mare, ginepri e natura incontaminata al Nikki; sabbia candida e mare di colore impareggiabile al Gabbiano), che hanno dalla loro qualcosa in più per quanto riguarda i servizi offerti: standard altissimi, prezzi non certamente modici ma anche la capacità di creare un ambiente e un’esperienza a loro modo unica per i clienti.

Gli standard «Ogni struttura è stata oggetto di valutazione in centesimi – spiegano gli autori –, basata su una serie di criteri: location, servizio, design, ristorazione, beverage e cocktail, il mood che si respira. Il risultato spazia dalla semplice segnalazione ai tre ombrelloni gold, massimo riconoscimento qualitativo. La prima edizione della guida è accompagnata dal debutto del sito italian beach.club e dei profili social che permetteranno a tutti gli amanti delle spiagge italiane di scegliere il luogo ideale dove trascorrere la propria estate. Questa guida è uno strumento originale, inedito e indispensabile per chi ama il mare, la vita di spiaggia con tutti i migliori servizi, l’aperitivo al tramonto, un ottimo piatto di pesce degustato con i piedi sulla sabbia, un cocktail preparato a regola d’arte o un buon calice di vino. E per chi vuole scegliere le strutture di eccellenza, quelle più glamour ma anche quelle più antiche dove sono state scritte pagine di storia delle vacanze in Italia».

Il top in Italia Come detto, secondo la selezione della Guida ai migliori Beach Club d’Italia sono 14 gli stabilimenti italiani che hanno ottenuto il punteggio massimo. Oltre le tre strutture presenti in Sardegna, sono stati premiati due stabilimenti della Liguria («Bagni Fiore» a Paraggi ed «Eco del Mare» a Lerici), uno del Friuli Venezia Giulia («The Club by Purobeach» a Sistiana), tre in Toscana («Alpemare» e «Bagno Piero» a Forte dei Marmi, «Twiga» a Marina di Pietrasanta), tre in Campania («Il Riccio» ad Anacapri, «La Scogliera» a Positano e «La Conca del Sogno» a Nerano), e due in Sicilia: «Nuova Spiaggia Paradiso» a Letojanni e «Tao Beach» a Taormina. La premiazione di questi stabilimenti e dei migliori per categoria, con tanto di attribuzione del titolo di miglior beach club d’Italia, si terrà venerdì 24 maggio a Milano, durante l’Aperitivo Festival, evento che celebra il World Aperitivo Day.
 

In Primo Piano

Video

Olbia, la città saluta Gabriele Pattitoni: in migliaia al funerale del 17enne morto dopo un incidente

L’emergenza

Ortopedie chiuse: tutti i pazienti si riversano nei pronto soccorso di Sassari e Cagliari

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative