La Nuova Sardegna

La denuncia

Concorso scuola, rivolta nell’isola: «Noi docenti sardi discriminati»

di Silvia Sanna
Concorso scuola, rivolta nell’isola: «Noi docenti sardi discriminati»

Seconda e terza prova si svolgono nella Penisola, con costi notevoli per il viaggio. E poi la beffa: alcuni candidati si presentano e scoprono di essere già stati esclusi

19 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari In Campania, in Toscana, in Liguria, nel Lazio. A volte in nave, con viaggi interminabili e nottate spesso insonni, più spesso in aereo con atterraggio nello scalo più vicino alla destinazione, perché i voli diretti, si sa, sono pochi e a singhiozzo. Qualunque sia il mezzo di trasporto, in comune c’è il salasso a carico dei docenti sardi, in missione nella Penisola per affrontare la prove finali del concorso scuola. Dopo gli scritti nell’isola, le altre prove si fanno infatti oltremare: sia quella pratica, sia l’orale. Un disagio notevole al quale si aggiunge la beffa: capita infatti che una volta di fronte alla commissione il candidato scopra di non avere ottenuto un punteggio sufficiente alla seconda prova e dunque di essersi presentato alla terza inutilmente. Fine del concorso, si ritorna indietro.

«È questa l’ultima novità di un concorso i cui criteri sono veramente discutibili. Da settimane protestiamo, perché non è pensabile che noi sardi in particolare siamo discriminati in questo modo». Alberto Marceddu , 36 anni, di Norbello, insegnante di Scienze e tecnologie meccaniche all’istituto Volta di Nuoro, ha superato lo scritto e ora lo attendono la prova pratica, il 31 maggio ad Arezzo, e l’orale il 24 giugno. Alberto mette in fila i disagi. «Il primo è legato ai costi da affrontare: tra viaggio e pernottamento non si spendono mai meno di 500 euro. I colleghi di altre regioni si spostano in treno, autobus o mezzi privati, con un esborso decisamente inferiore. Secondo problema: tra i candidati ci sono mamme che devono viaggiare con i figli piccoli, perché non saprebbero a chi lasciarli. Alcune per questo motivo i hanno rinunciato a sostenere la prova e questa è senza dubbio una grave ingiustizia. Ancora – prosegue Alberto Marceddu – chi partecipa per due classi di concorso deve sostenere l’orale in due sedi e date diverse. Dunque spese e disagi raddoppiati. E poi c’è il terzo problema, che ha veramente il sapore delle beffa: vai lì e scopri che potevi restare a casa, perché non hai superato la prova intermedia o non hai raggiunto il punteggio complessivo sufficiente».

È già successo: «Un collega che ha sostenuto l’orale è rimasto di sasso quando la commissione, dopo avergli fatto i complimenti per l’andamento della prova, ha aggiunto che comunque il concorso non era stato superato perché alla prova pratica non aveva ottenuto il punteggio minimo richiesto - 40 - da sommare all’esito dell’orale. Alla legittima domanda: “Perché non lo avete detto prima invece di farmi venire qui e affrontare l’esame?”, la risposta è apparsa confusa».

La situazione assurda potrebbe ripetersi presto, come raccontano alcuni docenti che qualche giorno fa, a Salerno, hanno affrontato la prova pratica della classe di concorso A51 (Scienze, tecnologie e tecniche agrarie): la commissione ha comunica che non pubblicherà gli esiti della prova ma li scopriranno soltanto il giorno dell'orale. Dunque, anche in questo caso, il viaggio con tutti i disagi correlati, potrebbe rivelarsi inutile. E c’è un altro dettaglio non trascurabile: «In alcuni casi, come nel mio, i candidati devono portare da casa il materiale per fare la prova pratica, perché il Ministero non lo mette a disposizione».

Un’avventura densa di incognite, insomma. Ma i candidati la affronteranno ugualmente perché il superamento del concorso (i posti a bando sono pochissimi) anche se non dà l’immediata abilitazione, si traduce in 3 punti in graduatoria: sono pochi solo in apparenza, se si pensa che una laurea triennale vale appena 1,5 punti nella Gps (graduatoria provinciale). Dunque, in palio c’è un tesoretto imperdibile.

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative