La Nuova Sardegna

Arcipelago Sardegna
L’iniziativa

“L’Abruzzo in Coro” viaggia in sintonia con “Su passu torrau”

“L’Abruzzo in Coro” viaggia in sintonia con “Su passu torrau”

Successo del gemellaggio culturale promosso dall’Associazione Dimonios e dall’omonimo gruppo di ballo e canto

05 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Pescara Conclusa con grande successo la rassegna corale “L'Abruzzo in Coro” organizzata dall’Associazione sarda Aps Dimonios Abruzzo e Molise, tenutasi il 31 maggio 2024 dalle 18:30 presso la sala giardino del Grand Hotel Adriatico di Montesilvano (Pescara). L’evento è stato organizzato in collaborazione con all’Associazione "Coro Acli 2000" di Chieti diretto dal maestro Giancarlo Di Fusco e con il Coro "Montis Silvani" dell'Aps "Università Popolare della Terza Età" di Montesilvano diretto dal maestro Michele D'Alonso. «Un ringraziamento speciale va ai presidenti – sottolineano dal Circolo dei sardi emigrati –: Pietro Figurilli per aver ideato e fortemente voluto questo evento; Giuseppe Tini per l'indispensabile collaborazione tecnica, che oltre a disporre della sala concerti ha curato la parte grafica e, dato importante, ha abbinato la chiusura dell'anno accademico dell'Università Popolare della Terza Età; Giuseppe Pisu che anche in questa occasione ha saputo gestire i contatti con le diverse istituzioni».

«Aver aderito e collaborato a questa bellissima iniziativa ha sancito un prezioso gemellaggio culturale tra l'Abruzzo e la Sardegna che ci auguriamo sia solo l'inizio di proficue collaborazioni future». L'importanza dell'evento è stata sottolineata anche dal sindaco di Montesilvano Ottavio De Martinis, che ha riconosciuto il valore di iniziative come questa per la promozione e la valorizzazione delle tradizioni locali e per il rafforzamento dei rapporti tra le diverse comunità. La serata, condotta e curata dal maestro Franco Becconi, ha offerto una scaletta musicale coinvolgente, con l'apertura affidata al “Gruppo di ballo e canto Dimonios”, che ha eseguito con maestria il ballo sardo "Su passu torrau". A seguire l'alternanza di brani eseguiti dai tre cori, che, oltre a presentarci il loro repertorio (Jabruzzu, A l'Abruzze care, Mare nostre ecc…) hanno cantato i brani in lingua sarda (Nanneddu meu, Ave Maria, A s'andira) presentati dal "Gruppo di ballo e canto Diminios". Hanno deliziato quindi il pubblico con interpretazioni di grande impatto emotivo suscitando spesso l'entusiasmo dei presenti che hanno applaudito calorosamente dopo ogni esecuzione. «Ringraziamo ancora per la disponibilità e preparazione i maestri Giancarlo Di Fusco e Michele D'Alonso che hanno reso speciale questo concerto». Così come in apertura, chiude il concerto il "Gruppo di ballo e canto Diminios" con il re del ballo sardo "Su ballu tundu", che ha riscosso grande entusiasmo tra i presenti. Questo evento ha dimostrato ancora una volta il potere della musica, linguaggio universale capace di unire tradizioni e culture diverse. L’Associazione sarda Aps Dimonios Abruzzo e Molise, con il supporto della Fasi (Federazione associazioni sarde in Italia) e della Regione autonoma della Sardegna, «ringrazia tutti coloro che hanno partecipato e contribuito alla riuscita dell’evento, rinnovando il suo impegno nel promuovere la cultura sarda in sincronia con quella abruzzese attraverso manifestazioni di alto valore artistico e culturale».

In Primo Piano
Il racconto

Fiamme tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

di Enrico Carta

Energia

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative