La Nuova Sardegna

Sassari

Accuse a equitalia e provincia

Bollette per i passi carrabili, agricoltori sul piede di guerra

SASSARI. Agricoltori della Nurra sul piede di guerra per l'arrivo delle cartelle Equitalia per la riscossione da parte della Provincia di Sassari dei canoni di utilizzo degli accessi carrabili sulle...

25 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Agricoltori della Nurra sul piede di guerra per l'arrivo delle cartelle Equitalia per la riscossione da parte della Provincia di Sassari dei canoni di utilizzo degli accessi carrabili sulle strade provinciali. Un pagamento che va ad aggiungersi ad altre tasse e imposte che stanno mettendo in ginocchio numerose aziende agricole e non solo della Nurra.

L'ennesimo balzello non è stato per niente digerito dagli imprenditori agricoli e residenti delle campagne, non foss'altro per il fatto che non è stata data nemmeno la possibilità di poter pagare l'eventuale canone nei tempi regolari.

A quanto sostenuto nel documento-petizione in cui sono raccolte oltre 500 firme sembrerebbe che Equitalia abbia inviato agli utenti interessati direttamente l'avviso di accertamento e contestazione di somme arretrate e relative sanzioni.

Il tutto senza procedere preliminarmente ad un avviso bonario o comunque a recapitare la bolletta nei tempi corretti.

In buona sostanza arrivano more e interessi di un quinquennio senza che siano mai arrivate le bollette nelle annualità correnti.

Insomma oltre al danno anche la beffa di non poter regolarizzare le proprie posizioni negli anni corretti.

«Esistono tra l'altro sentenze del Tar– si legge nella petizione – che hanno annullato l'obbligo di corrispondere un canone per i passi carrabili agricoli».

Gli oltre cinquecento firmatari chiedono quindi di modificare il regolamento provinciale sull'occupazione di spazi e aree stradali e di sanare le situazioni pregresse in modo ragionevole e tenendo conto del periodo di crisi economica e delle difficoltà del comparto agricolo.

«Esistono – prosegue la nota – passi carrabili storici di aziende agricole risalenti all'epoca della bonifica della Nurra che servono in più punti i poderi. Se l'imprenditore agricolo dovesse pagare tutti gli ingressi sarebbe preferibile chiudere tutto».

A supporto della petizione si inserisce a tutela dei diritti degli agricoltori e assegnatari della Nurra il Comitato Zonale della Nurra che ha richiesto un incontro urgente alla presidente della Provincia di Sassari Alessandra Giudici e al presidente del consiglio provinciale.

Da segnalare che il problema dei passi carrabili interessa diversa centinaia di persone non solo nei comuni di Sassari e Alghero, ma gli agricoltori della provincia di Sassari i cui terreni agricoli sono percorso i attraversati da una strada provinciale.

Sergio Ortu

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative