La Nuova Sardegna

Sassari

Il futuro dell’università visto dai candidati rettore

Il futuro dell’università visto dai candidati rettore

Oggi nell’aula magna dell’ateneo si terrà un dibattito tra i cinque docenti in corsa Nell’incontro, organizzato da Fondazione Segni, i temi della campagna elettorale

28 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





SASSARI. Appena concluse le votazioni per il rinnovo del consiglio comunale si riprende a parlare di un altro importante appuntamento: quello con la scelta del nuovo rettore dell’università di Sassari da parte del mondo accademico e dei dipendenti dell’ateneo. Oggi alle 17,30 nell’aula magna dell’università è in programma un confronto fra tutti i candidati alla carica di rettore. L’evento è organizzato dalla Fondazione Segni e sarà moderato dal direttore della Nuova Sardegna Andrea Filippi.

Durante l’incontro saranno affrontati i principali temi in discussione in una campagna elettorale che si sta dimostrando appassionata e capace di coinvolgere non soltanto i vari comparti dell’università (docenti e personale amministrativo) ma l’intera città che vede nella storica presenza dell’ateneo un prospettiva concreta e necessaria per il suo futuro.

Al dibattito parteciperanno dunque i cinque candidati rettore. Si tratta di Giuseppe Pulina, direttore del Dipartimento di Agraria, Andrea Montella, direttore del Dipartimento di Scienze biomediche, Massimo Carpinelli, docente di Fisica nel Dipartimento di Chimica e Farmacia, Marco Vannini, docente del Dipartimento di Economia aziendale ed Eraldo Sanna Passino, direttore dell’ospedale veterinario dell’omonimo Dipartimento.

I temi in discussione sono tanti e sono già stati parzialmente sviluppati nei vari incontri che si stanno tenendo nelle sedi universitarie. Si va dalla didattica, vero tallone di Achille dell’ateneo, alla ricerca, che presenta problemi in particolare per quanto riguarda il precariato in tutti gli istituti. I candidati poi si confronteranno sulla base dei propri programmi che sono visibili, assieme ai curricula, online in nuovorettoreuniss.blogspot.it. È sufficiente cliccare sulle foto dei candidati per ottenere le informazioni.

Tra i punti che quasi tutti hanno inserito nel loro progetto c’è quello relativo a Sassari città universitaria con al centro il dibattito sulla collocazione del campus per gli studenti fuorisede. L’accoglienza infatti è vista come un punto strategico per rendere attrattiva l’università visto che negli ultimi anni il numero degli iscritti è calato considerevolmente. C’è poi il tema del rapporto con il territorio e con il suo tessuto economico: è infatti sulla professionalizzazione dei corsi di laurea e sui possibili sbocchi occupazionali che si giocherà il futuro dell’ateneo. In molti programmi anche lo sviluppo dell’edilizia sulla quale il rettore in carica Attilio Mastino ha puntato molto con progetti ambiziosi per rendere più efficiente il sistema didattico e allo stesso tempo razionalizzare le spese. L’elezione del nuovo rettore si terrà il 17 giugno e, in caso di ballottaggio, si tornerà alle urne il 25.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative