La Nuova Sardegna

Sassari

Scarpa: «Ha vinto ancora la città matrigna»

Scarpa: «Ha vinto ancora la città matrigna»

Durissima reazione del sindaco di Porto Torres: la classe dirigente sassarese ferma in piazza d’Italia

31 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





PORTO TORRES. «La classe dirigente sassarese non sa uscire da piazza d’Italia e l’assessore regionale alla Pubblica istruzione con le sue decisioni non va al di là di Li Punti». Parole al vetriolo, quelle pronunciate dal sindaco di Porto Torres Beniamino Scarpa all’indomani delle delibera regionale che di fatto riassegna la sede del liceo sportivo al Canopoleno. «Si tratta di una scelta della città capoluogo - aggiunge - che accentra ancora una volta l’offerta formativa, ignorando la proposta della conferenza dei sindaci, che aveva indicato Porto Torres come la sede più idonea a ospitare il liceo sportivo». A Scarpa dispiace anche di essere stato considerato il cattivo per aver presentato il ricorso al Tar. «Fa specie - ricorda il sindaco - che l’attuale dirigente scolastica del Canopoleno abbia perorato la sua causa dimenticando che quando era preside del liceo scientifico “Europa Unita” fu tra le prime a caldeggiare la nostra proposta di avere il liceo sportivo a Porto Torres».

Per Scarpa la Regione ha sbagliato a non entrare nel merito delle richieste, non ascoltando quelle formulate dal territorio attraverso numerosi comuni dell’area vasta. Il dirigente dell’Istituto d’istruzione superiore, Franco Fracchia, rimanda alla riunione del collegio dei docenti di domani, che potrà esprimere il suo pensiero in merito alla delibera della giunta regionale.

«Hanno detto che c’era il problema delle famiglie degli studenti iscritti al liceo sportivo che aspettavano impazientemente - commenta Fracchia -, ma questo non è un motivo sufficiente per annullare tutte le ragioni portate all’attenzione dell’esecutivo regionale: Porto Torres resta in credito perché, come al solito Sassari la fa da padrona».

L’Istituto Paglietti comprende i corsi di studi di liceo scientifico e di Tecnico dei trasporti e logistica con indirizzo navale, oltre a potenzialità rappresentate da impianti e attrezzature sportive di terra e di mare. L’opportunità di accoglienza sono offerte dalla sala mensa interna al liceo e dall’utilizzo del convitto annesso all’istituto “Pellegrini” di Sassari (la convenzione tra i due istituti e già in essere, ndc), che rispondono alle esigenze degli studenti pendolari che dovessero partecipare alle attività pomeridiane e di quelli che provengono da paesi lontani.

Gavino Masia

In Primo Piano
Trasporti

Rotaie roventi: un altro stop ai treni

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative