Vince Lifely, servizio social che usa le piante per il meteo

CAGLIARI. Social internet, difese informatiche ed ecoturismo, idee vincenti alla finale regionale Start Cup 2014. Un match duro. Tra confronto, talento, intuito e competenze. La festa dei futuri...

CAGLIARI. Social internet, difese informatiche ed ecoturismo, idee vincenti alla finale regionale Start Cup 2014. Un match duro. Tra confronto, talento, intuito e competenze. La festa dei futuri scienziati-manager-imprenditori sardi, è volata leggera mercoledì scorso nell’aula magna di Ingegneria a Cagliari. I dieci gruppi hanno presentato alla giuria e al pubblico i progetti con video, grafici, musica, vignette. Quattro minuti netti per “vendere” il prodotto azzeccato. Tra gli applausi di docenti, colleghi e amici. Al contest per business plan di idee innovative hanno partecipato 27 gruppi di giovani ricercatori e laureati delle due università sarde. Tra questi, i dieci finalisti con i primi quattro che accedono alle finali del Premio Nazionale per l'Innovazione (Pni), in calendario a Sassari il 4 e 5 dicembre. La finale ha visto trionfare Lifely: primo posto e assegno da ottomila euro. Seconda piazza e quattromila euro per Deep Fisher. Infine, duemila euro e terzo podio per Sea Me.

Ma alla finale nazionale di Sassari approda anche FasTrial. Un terzetto doc, più un quarto progetto ritenuto meritorio dai giurati. Pool motivati e giovani, portavoce della scienza a portata di mano, capaci di tradurre un’idea progettuale in un percorso efficiente.

Lifely è un servizio social sul web che interagisce a distanza con la proprie piante a casa. Un esempio? La pianta, inserita nel vaso, può inviare anche le previsioni meteo. Il progetto è firmato dagli studiosi sassaresi Antonio Solinas, Terence Deffenu, Pierluigi Pinna, Nicola Siza, Andrea Maddau, Luigi Atzori (Diee, Cagliari) Giuseppe Broccia e Katiuscia Zedda. Deep Fisher è un software che permette di individuare minacce, attacchi e frodi informatiche, specie nel web non indicizzato dai tradizionali motori di ricerca. Il team? I cagliaritani Luca Savoldi, Andrea Sanna e Davide Ariu. Il gruppo sassarese Sea Me - Luca Bittau, Enrico Pirotta, Carmine Pellegrino, Cecilia Pinto, Valentina Giliolo, Valeria Andreotti e Renata Manconi - propone una forma di eco-turismo abbinato alla ricerca in ambito marino, specie sui cetacei. FasTrial (università Sassari) è una piattaforma web che offre servizi di intermediazione tra centro di ricerca, industrie farmaceutiche e medici. Nel team Giovanni Fresu, Wanda Masala, Maria Francesca Ortu, Daniela Antonella Piras, Roberta Zaninello. Alla finale hanno preso parte Paolo Fadda (pro rettore Innovazione, Cagliari), Alessandra Carucci (presidente Ingegneria, Cagliari), Emilio Turco (pro rettore Trasferimento tecnologico, Sassari) e Silvana Congiu (direzione Ricerca e territorio, Cagliari).

In giuria, economisti, imprenditori, banchieri e manager. Start Cup, curata dal team cagliaritano Unica Liason Office, fa capo al progetto Innovare che unisce gli atenei sardi e Sardegna Ricerche.one passando dalle accademie.

Mario Frongia

WsStaticBoxes WsStaticBoxes