Premio Chighine: grande pubblico e trionfo della limba

ITTIREDDU. Ha richiamato un folto pubblico, domenica scorsa nell’aula consiliare di Ittireddu, la cerimonia di premiazione del concorso di poesia e prosa in lingua sarda Premio "Nanneddu Chighine"...

ITTIREDDU. Ha richiamato un folto pubblico, domenica scorsa nell’aula consiliare di Ittireddu, la cerimonia di premiazione del concorso di poesia e prosa in lingua sarda Premio "Nanneddu Chighine" giunto alla 29° edizione e organizzato da Comune, Pro Loco, associazione Issir, Coro di Ittireddu e tanti volontari. Ancora una volta il numero delle opere presentate, una sessantina, ha dimostrato che il premio ha un ruolo centrale tra le manifestazioni in limba e nelle tre sezioni la scelta operata della giuria è stata ardua. Per la sezione "in rima" ad ottenere la vittoria è stato Franco Piga di Romana, con "No poto ischire", al secondo e terzo posto Andrea Columbano di Olbia e Stefano Arru di Pozzomaggiore. Menzioni d'onore a Domenico Mela, Mario Nurchis e Vittorio Sini. Nella sezione "versi sciolti" dedicata al fondatore del Premio Matteo Spensatellu, ancora un primo posto per Gigi Angeli di Palau con "...e intamen", seguito da Giovanni Chessa di Torpé e da Gian Gavino Vasco di Bortigali. Menzioni d'onore ad Antonello Bazzu, Tonino Fancello e Giuseppe Tirotto. Un attestato di partecipazione è stato attribuito alle giovani Erica Carboni, Zineb Ibnorida e Zineb Kharbouch della Biblioteca di Florinas. Nessun vincitore invece nella sezione prosa, ma menzioni d'onore agli scrittori Mario Ara Mariantonia Fara, e Maria Chiara Firinu.

Francesco Squintu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes