Non si ferma all’alt e fugge in moto, arrestato

Un 24enne inseguito e bloccato dai carabinieri, denunciata la fidanzata che voleva aiutarlo a scappare

SASSARI. Un inseguimento nel cuore della notte quasi all’ingresso della città. Un ragazzo che non si ferma all’alt dei carabinieri e scappa in moto tra i parcheggi di un centro commerciale e una rotatoria fino a speronare l’auto della pattuglia. Una fuga senza senso, considerato che il giovane, un 24enne sassarese incensurato, non aveva un apparente motivo per non sottoporsi ai controlli delle forze dell’ordine. Poi ci si è messa la sua fidanzata a peggiorare la situazione: a bordo di un’auto ha cercato di aprire “varchi di fuga” per consentirgli di dileguarsi con maggiore facilità. L’esito di questa bravata adolescenziale è stato, purtroppo per loro, molto serio: il giovane in scooter è stato arrestato e la sua ragazza denunciata a piede libero per favoreggiamento.

È successo tutto lunedì notte nella zona della Galleria Monserràt. I carabinieri sono impegnati in un servizio di controllo, vedono una moto sfrecciare e decidono di fermarla. Ma il ragazzo in sella ha più di qualche esitazione. Tira dritto a velocità, i carabinieri lo inseguono, lui un po’ accelera e un po’ sembra volersi fermare. Alla fine qualcuno arriva in suo “aiuto”. È la fidanzata. In realtà la situazione si aggrava: i carabinieri vengono speronati ma alla fine riescono a fermarlo.

Ieri mattina, processato per direttissima davanti al giudice Valentina Nuvoli, il 24enne, assistito dall’avvocato Gianluigi Poddighe, ha chiesto scusa per quanto accaduto la notte precedente e ha anche detto che avrebbe risarcito i danni provocati all’auto dei carabinieri. Il giudice ha convalidato l’arresto e ha disposto l’obbligo di firma in caserma due volte alla settimana.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes