Porto Torres, addio a Roberto Ledda: “l’artigiano” dei megayacht

Era un imprenditore della nautica e nel suo settore era un'eccellenza indiscussa

PORTO TORRES. La città piange l’artigiano Roberto Ledda, 58 anni, scomparso nei giorni scorsi. Roberto era un imprenditore della nautica e nel suo settore era un'eccellenza indiscussa: tecnico di bordo specializzato in impiantistica elettrica con la passione dell’innovazione sulle imbarcazioni di nuova generazione.

Da apprendista elettrauto in una piccola officina in via Farina, quando aveva ancora i calzoni corti, era riuscito a diventare un tecnico ricercatissimo nel mondo dorato dei megayacht che solcano i mari di mezza Sardegna. Roberto in Costa Smeralda arrivò quasi per caso negli anni ’70 - rispondendo ad una chiamata del suo ex datore di lavoro che si era trasferito a Cannigione – e in quel territorio mise radici nonostante dovesse restare solo per una stagione. Famosi i suoi interventi in emergenza e gli spostamenti in elicottero per non interrompere le vacanze ai Vip che sbarcavano sull’Isola.

A Porto Torres nel suo ufficio di Schip Chandler, gestito dai figli Giuseppe e Ilaria era un punto di riferimento per risolvere qualsiasi problema tecnico. La sua porta sempre aperta regalava, grazie alla sua esperienza, consigli su come progredire nel turismo nautico. (g.m.)
 

WsStaticBoxes WsStaticBoxes