Consorzio, rivolta per i costi elevati

Agricoltori e allevatori giovedì in assemblea alla Fiera «Paghiamo troppo per un servizio minimo: faremo causa»

OZIERI. Si parlerà del costo dei ruoli e dei compiti del Consorzio di Bonifica del Nord Sardegna in un’assemblea dei consorziati in programma giovedì prossimo, 18 giugno, nella sala conferenze del padiglione rosa della Fiera di San Nicola (accanto agli uffici del servizio Veterinario).

L’assemblea, che si terrà alle 19, è auto-convocata, ovvero organizzata da un gruppo di consorziati della piana di Chilivani che chiamano a raccolta agricoltori e allevatori della zona e di tutti i comuni del comprensorio della piana per discutere principalmente di quello che da più parti viene indicato come il principale problema nella gestione del Consorzio di bonifica: l’alto costo - definito addirittura «insostenibile» - dei ruoli, ovvero dei contributi che i consorziati versano all’ente per i suoi servizi.

Servizi che nella piana sono costituiti quasi unicamente dall’erogazione dell’acqua, dicono i promotori dell’incontro, che lamentano appunto l’alto costo di tali ruoli – cresciuto dopo la redazione del Piano di classifica nell’autunno del 2018, che secondo i promotori va assolutamente rivisto – a fronte della scarsità di altri servizi offerti dall’ente nonché dei continui disservizi patiti. Una protesta che più volte molti consorziati hanno indirizzato all’ente, a loro detta rimasto però sordo alle richieste e alle proposte.

Un malessere diffuso che, rivelano, sta a poco a poco inducendo in molti consorziati della piana di Chilivani l’idea di intentare causa contro l’ente.

Una possibilità che per alcuni è già molto concreta, ma che si continuerà a discutere e approfondire nell’assemblea di giovedì prossimo, alla quale i promotori auspicano una massiccia partecipazione dei consorziati compresi i componenti del consiglio di amministrazione entrato in carico lo scorso febbraio. All’assemblea è prevista quindi la presenza di un legale, contattato dagli organizzatori come consulente.

La raccomandazione ai partecipanti è quella ormai consueta in questo momento storico: per l’ingresso e la permanenza in sala occorre munirsi di mascherine e rispettare le regole di distanziamento, che gli organizzatori si preoccuperanno di agevolare con l’indicazione precisa dei posti a sedere.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes