Arriva la parcella Lanzalone Tellini: «Non lavorò gratis»

PORTO TORRES. Lo studio legale LC&P di Genova (già studio legale Lanzalone & partners) ha chiesto al Comune il pagamento del compenso professionale per la prestazione di servizi legali sul Fondo...

PORTO TORRES. Lo studio legale LC&P di Genova (già studio legale Lanzalone & partners) ha chiesto al Comune il pagamento del compenso professionale per la prestazione di servizi legali sul Fondo rotativo fotovoltaico. «L’attività professionale svolta a vostro favore è rimasta ad oggi inevasa pur a fronte dei relativi solleciti – scrive l’avvocato Riccardo Nalin – e l’importo al netto di ritenuta di acconto è 31mila e 563,17 euro: vi saremmo grati se poteste provvedere al pagamento con cortese sollecitudine, significandovi che, decorsi 10 giorni dalla data di ricevimento della presente, in assenza di saldo integrale del dovuto mi vedrò costretto a procedere in sede giudiziaria per il recupero del credito del mio assistito». Il documento inviato dallo studio al Comune è stato reso pubblico dal consigliere Davide Tellini, attraverso la richiesta di accesso agli atti, che aggiunge un commento. «I fatti ci hanno dato ragione e la presenza dell’avvocato Luca Lanzalone - discusso personaggio e noto anche per le vicende dello stadio di Roma, alla corte della Raggi - non è passata certo inosservata: il sindaco aveva pubblicamente dichiarato di averlo conosciuto perché introdotto dal ministro Riccardo Fraccaro ad occuparsi del reddito energetico e la ex presidente del consiglio aveva ribadito in aula consiliare che l'avvocato Lanzalone non aveva avuto nessun ruolo sul reddito energetico: tutti mentivano sapendo di mentire».

Per Tellini i « tentativi della maggioranza di nascondere alcuni elementi legati alla presenza di Lanzalone, sono diventati il prezzo da pagare per i cittadini, con un debito che sarà lasciato in eredità alla prossima amministrazione». Il sindaco Sean Wheeler, dopo aver ricevuto la richiesta dello studio legale LC&P, dichiara che è al vaglio dell’avvocatura civica. «Ci esprimeremo in modo approfondito una volta letta la relazione del legale. Posso però da subito ribadire quanto detto anche in consiglio: il Comune non ha richiesto nessuna consulenza». Resta per ora il mistero della richiesta di pagamento della parcella. (g.m.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes